Tsitsipas sfata il tabù Medvedev. Le sue parole prima della finale a Cincinnati

Tsitsipas riesce ad abbattere la resistenza per Medvedev per la prima volta in carriera sul cemento e raggiunge la finale in Ohio. Affronterà Coric

by Perri Giorgio
SHARE
Tsitsipas sfata il tabù Medvedev. Le sue parole prima della finale a Cincinnati

Non aveva mai vinto un match contro Daniil Medvedev sul cemento e dalla vittoria a Roma, aveva raddrizzato la fetta di stagione tra Parigi e Londra sostanzialmente con il guizzo a Maiorca. Ecco perché la finale a Cincinnati ha un sapore speciale per Stefanos Tsitsipas, che gestisce in maniera straordinaria la sfida contro il numero uno del mondo e che ritorna a registrarsi come uno degli uomini da battere anche alla vigilia dello Slam newyorkese, ovviamente l'ultimo della stagione.

"Ho dovuto prendermi più rischi del previsto per trovare una vera soluzione. Ho approfittato di alcuni piccoli episodi per prendere il controllo della partita e alla fine ho fatto quello che dovevo fare. Mi sono buttato a rete dopo il servizio, ma più in generale penso che quello schema mi abbia aiutato anche ad acquisire maggiore sicurezza.

Credo sia stata la chiave per raggiungere questa finale" ha spiegato alla fine della partita a bordocampo. Tsitsipas è riuscito ad arpionare il primo set al tie break e soprattutto a evitare il 6-0 Medvedev nel corso del secondo, dando ovviamente un'inerzia completamente differente al terzo set.

Condito, peraltro, dai malumori del numero uno del mondo causati dai fuochi d'artificio intorno e più in generale da un'aria decisamente chiassosa, tipica negli Stati Uniti in questa fetta di stagione. "Sapevo che il terzo set non sarebbe stato facile, ecco perché nonostante tutto recuperare un minimo lo svantaggio nel secondo mi ha aiutato.

A un certo punto la partita è diventata molto fisica e lui [Medvedev, ndr] ne ha ovviamente tratto vantaggio. Diciamo che alla fine io ho approfittato di qualche suo errore con il servizio e che ho sfruttato tutte le opportunità nella migliore delle maniere" ha spiegato con grande umiltà.

"Mi ha aiutato a prendere le decisioni con più calma grazie a tutti quei doppi falli. Ne ha commesso una sulla palla break che ha deciso il match e credo in generale sia stato un momento emotivamente molto importante per me.

A pochi game dalla fine ho trovato la tranquillità e la concentrazione per portare a termine la missione" ha concluso.

SHARE