Kyrgios ammette: "Valgo la Top 10 mondiale. Novak Djokovic? Nessuno è perfetto"



by   |  LETTURE 6754

Kyrgios ammette: "Valgo la Top 10 mondiale. Novak Djokovic? Nessuno è perfetto"

Dopo la finale a Wimbledon, match probabilmente più importante della sua carriera, Nick Kyrgios si è preso un breve periodo di pausa ed è tornato in campo nella notte nel torneo Atp di Washington, evento che ha già vinto in passato, esattamente nel 2019.

Ottima prestazione per Nick che ha battuto senza problemi l'americano Marcus Giron, sconfitto con un netto 6-3;6-2. In conferenza stampa il tennista australiano ha parlato del match e di tanti temi, ecco le sue parole: "Lo scorso anno è stato amaro per me il torneo di Washington, ho perso al primo turno ed era un periodo dove stavano capitando tante cose particolari.

Non avevo bei ricordi di Washington, quindi. Prima del match ero nervoso, so di aver già vinto questo torneo in passato ma ero comunque preoccupato e volevo fare una bella figura davanti ai miei fan. Mi sono allenato duramente per migliorare il mio tennis, anche mentalmente e il mio obiettivo era fare un bello spettacolo.

Le parole con il pubblico sul match point? L'ho già fatto in passato, credo sia una bella cosa per qualcuno che ha pagato per vederti giocare, che si tratti di un bambino piccolo o di una donna anziana come è avvenuto stavolta, credo sia speciale per loro.

Sinceramente, da spettatore di un match di tennis, vorrei vivere un'esperienza del genere"

Nick Kyrgios e la sua nuova mentalità

Il tennista ha poi parlato del processo a suo carico riguardo le accuse della sua ex fidanzata e Nick ha risposto deciso: "Ho sempre saputo che ora sarei stato qui a giocare.

Ho al mio fianco le persone che amo, posso solo giocare a tennis e lavorare, godermi il mondo con la mia bellissima ragazza. Penso solo a questo. Il doppio e la vittoria di Atlanta? Il doppio è sempre divertente, soprattutto quando giochi con un amico.

Sicuramente è meglio fare doppio che allenarsi e logicamente ti porta ulteriori soldi questo, vincere un altro titolo con Thanasi è stato fantastico. La scorsa settimana ho perso al primo turno ma questa cosa mi ha dato maggiori motivazioni adesso, mi ha aiutato e credo di aver disputato un match eccellente"

Kyrgios ha parlato di questa nuova mentalità: "Sto giocando per me stesso ed ho una mentalità diversa rispetto agli anni scorsi. Un paio di anni fa, dopo un grande risultato nei tornei dello Slam, avrei rallentato e faticato a trovare la motivazione, sicuramente ero più egoista.

Ora è diverso, sono stato in vacanze alle Bahamas ma mi allenavo comunque. Giron è uno dei migliori 50 al mondo e batterlo così non è facile. Ho grande motivazione. Se Wimbledon mi avesse dato dei punti sarei tra i primi 15 al mondo, credo di valere in questo momento i primi 10 o forse 5 al mondo.

Perdere la finale fa male ma avere quella opportunità è fantastico. Certo, perdere fa male e se avessi vinto Wimbledon, potevo dire di aver ottenuto il massimo. La finale di Wimbledon mi ha reso ancora più perfezionista, ma alla fine non è questa la realtà.

Nessuno gioca senza commettere errori, neanche Novak Djokovic e Rafa Nadal, sbagliamo tutti. Devo essere più gentile con me stesso"