"Mi ha chiamato": Lorenzo Musetti racconta una speciale telefonata

Il tennista azzurro ospite lunedì del Tg1

by Luca Ferrante
SHARE
"Mi ha chiamato": Lorenzo Musetti racconta una speciale telefonata

Lorenzo Musetti si sta godendo ancora per qualche momento la vittoria dell’Atp 500 di Amburgo, che rappresenta il suo primo titolo della carriera nel circuito maggiore. Il tennista italiano è riuscito nell’impresa di battere lo spagnolo Carlos Alcaraz su terra battuta e raggiunto così diversi traguardi: oltre a essere il nuovo numero 3 azzurro, è salito di tantissime posizioni nel ranking e si è ora piazzato al 31esimo posto.

"Penso ancora di sognare. Non ho parole perché la partita è stata come sulle montagne russe, dall'inizio alla fine. Credo che la chiave dell’incontro sia stata di essere rimasto calmo e di mantenere la pazienza.

Non è stato affatto facile. Apprezzo tutti i sacrifici che la mia famiglia ha fatto per me e tutto il duro lavoro della mia squadra" ha dichiarato l’azzurro ai microfoni dell’Atp tour dopo la gara.

Musetti interviene in Rai

Il 20enne è intervenuto nella parte finale del Tg1 delle 13:30 lunedì 25 luglio per parlare dell’affermazione nella competizione tedesca.

"È stata una vittoria inaspettata, visto che finora Carlos non aveva mai perso nessuna finale nel circuito maggiore. Diciamo che è stato tutto una sorpresa, mai mi sarei aspettato questo successo. Ci conosciamo bene ed è stato ancora più difficile, perché non è mai facile giocare contro un amico.

Sicuramente cambieranno tante cose, la motivazione e la fiducia sicuramente saranno maggiori per il futuro" ha commentato. Il classe 2002 ha poi spiegato la bella telefonata con l’ex giocatore Nicola Pietrangeli: "Sì, forse sono state le congratulazioni migliori, che mi hanno reso più orgoglioso di quello che ho fatto.

È stato molto gentile, mi ha fatto tanti complimenti riguardo al mio tennis, su come ho affrontato la partita e come l’ho superata, visto che ho perso diversi match point. Mi ha fatto veramente piacere" ha aggiunto.

Poi ha sottolineato: "Abbiamo riso che alla fine siamo colleghi, dato che abbiamo vinto lo stesso torneo. Anche lui in passato ha trionfato ad Amburgo, ci siamo soffermati su questo aspetto" ha concluso.

Lorenzo Musetti
SHARE