Elina Svitolina: "Tennis? La guerra ha cambiato le mie priorità"

La giocatrice ucraina ha parlato delle sue nuove priorità dopo l'invasione russa

by Antonio Frappola
SHARE
Elina Svitolina: "Tennis? La guerra ha cambiato le mie priorità"

Elina Svitolina ha disputato la sua ultima partita ufficiale lo scorso 24 marzo al torneo WTA di Miami. La giocatrice ucraina ha poi deciso di prendersi una pausa ancora prima di annunciare la propria gravidanza. Il peso della guerra portata avanti dalla Russia nel suo Paese ha completamente cambiato i piani e designato nuove priorità.

“Ho provato un mix di emozioni diverse. Non è stato facile godermi la notizia della gravidanza in questo momento” , ha spiegato Svitolina in un’intervista esclusiva rilasciata al Telegraph. “Quando è iniziata l’invasione, è stato estremamente difficile mentalmente competere e avere la mia famiglia in Ucraina.

Non è stato facile gestire la situazione. Le mie priorità sono davvero cambiare molto. Non mi sentivo nel posto giusto quando giocavo a tennis. Era preoccupata per la mia famiglia. Mi risultava difficile concentrarmi al 100% sul lavoro, questo è il motivo per cui ho voluto condividere il mio punto di vista.

Ora sono felice di potermi prendere il mio tempo, concentrarmi su me stessa. Voglio che le persone sappiano quello che sta succedendo - che la guerra continua - perché sento che anche i media ne stanno parlando di meno.

È fondamentale fare tutto ciò che è in mio potere” .

Svitolina e il tennis: "Le mie priorità sono cambiate"

L’ATP e la WTA si sono schierati contro Wimbledon e non hanno accolto con favore l’esclusione dei tennisti russi e bielorussi.

Una presa di posizione che non è piaciuta a Svitolina. “Non sono d’accordo con i comunicati redatti dall’ATP e dalla WTA. Penso che dovrebbero fare di più riguardo i giocatori ucraini e nei confronti dell’Ucraina.

Abbiamo parlato con la WTA, con l’ITF e con gli organizzatori dei tornei del Grande Slam. Abbiamo spiegato loro la situazione, ma hanno scelto di agire in maniera autonoma. Mi è dispiaciuto scoprire la loro posizione.

Provo comunque rispetto nei loro confronti e voglio ringraziare gli organizzatori di Wimbledon per aver mostrato il proprio supporto agli atleti ucraini. Silenzio di alcuni tennisti russi? Hanno fatto la propria scelta. I giocatori non vivono in Russia: si allenano in Europa o negli Stati Uniti.

Questa è la loro decisione. Molti tennisti non si sono interessati ai colleghi ucraini, alla situazione delle loro famiglie. Questo ha creato tensioni e malumori. Le persone stanno morendo in Ucraina, abbiamo perso le nostre case, non abbiamo più un posto in cui allenarci.

Le nostre famiglie sono tutte in pericolo. La sport ha una grande responsabilità, perché riceve molte attenzioni da parte dei media. Può aiutare le persone a capire cosa stia realmente accadendo. Questa è la mia missione” .

Elina Svitolina
SHARE