Toni Nadal critica Nick Kyrgios: le dure parole dell'allenatore spagnolo

L'allenatore spagnolo ha parlato dello stile di gioco di Kyrgios

by Antonio Frappola
SHARE
Toni Nadal critica Nick Kyrgios: le dure parole dell'allenatore spagnolo

Nick Kyrgios ha raggiunto la sua prima finale Slam a Wimbledon, ma non è riuscito a fermare Novak Djokovic nell’ultimo atto dei Championships. L’australiano ha giocato un primo set perfetto al servizio e ha brekkato il suo avversario nel quinto game sfruttando un doloroso doppio fallo.

Sono stati due i passaggi a vuoto che hanno punito Kyrgios nelle successive frazioni di gioco. Il nativo di Canberra ha perso il servizio a zero nel quarto game del secondo set e ha gettato alle ortiche un turno di battuta che sembrava ormai archiviato( era avanti 40-0, ndr) sul 4-4 nel corso del terzo parziale.

Nel tie-break che ha scritto la parola fine all’incontro, Djokovic ha poi fatto valere tutta la sua esperienza e non ha concesso nessuna occasione all’australiano. Toni Nadal ha espresso il suo personale parere sullo stile di gioco di Kyrgios in un editoriale pubblicato sul quotidiano El Pais.

Toni Nadal: "Il tennis disordinato di Kyrgios è un handicap"

"La mancanza di costanza dell’australiano, soprattutto in termini di mantenimento dell’aggressività, ha messo in luce il problema principale che, secondo me, mostra il suo gioco.

Ha la cattiva abitudine di colpire troppe palle in qualsiasi modo, praticamente senza prestare attenzione e in una brutta posizione. Nel tennis di oggi, a causa della velocità con cui va la pallina, non c’è altra scelta che trovare una buona posizione, avere un buon controllo" , ha spiegato l'allenatore spagnolo.

"I grandi giocatori (Federer, Djokovic, Rafael) misurano bene i loro passi, cercano una buona posizione e, da lì, provano a tirare bene e ad aumentare le possibilità di vittoria. Il tennis disordinato di Kyrgios è un handicap,.

È molto difficile per lui raggiungere la continuità che richiede fare punti. Il tennis è uno sport di ripetizione, più che di spettacolarità. Lo vediamo, in troppe occasioni, colpire di rovescio senza regolare adeguatamente i passi e il dritto in cui non fa il minimo sforzo per piegare le ginocchia e prendere forza con le gambe.

Porta poca inerzia. Kyrgios è capace di fare cose che pochi riescono a fare, ma è anche evidente che la sua classifica, attualmente 40 al mondo, risponde al gioco che ha" .

Toni Nadal Nick Kyrgios
SHARE