"Sono un esempio": Nick Kyrgios racconta i problemi di obesità durante l'infanzia



by   |  LETTURE 5212

"Sono un esempio": Nick Kyrgios racconta i problemi di obesità durante l'infanzia

Nick Kyrgios è da sempre considerato come uno dei tennisti più talentuosi del circuito. Il ventisettenne atleta australiano non è mai riuscito finora ad esprimere al massimo il suo talento, spesso condizionato da una personalità fin troppo esuberante.

Nick ha alternate grandi vittorie (uno dei pochi ad aver battuto tutti e tre i Big Three) a clamorose sconfitte e negli ultimi anni la situazione era peggiorata. Le accuse extra tennistiche dell'ex fidanzata Chiara Passari avevano inoltre complicato le cose ma Nick sembra ora aver trovato la piena maturità.

Con la finale conquistata (anche con un po' di fortuna) a Wimbledon Nick ha raggiunto il più grande risultato della sua carriera, un risultato che non gli darà punti ma che lo potrebbe inserire definitivamente nella storia del tennis.

Davanti a lui un rivale durissimo, Novak Djokovic, colui che da anni domina il panorama tennistico e soprattutto su erba.

Kyrgios e le sue difficoltà nell'infanzia

Più volte nella sua carriera Kyrgios ha raccontato le sue difficoltà e uno dei vari problemi di Nick è stata l'obesità avuta in tenera età.

Ai microfoni di Tennis Majors Kyrgios ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Ogni volta che vedo quella foto (una foto di Nick abbastanza sovrappeso a 9 anni), è incredibile. Sembro Manny di Modern Family ed è divertente pensando che quel bambino possa essere io.

Credo che il mio esempio debba servire a tutti quei bambini che sono stati emarginati ed ad un certo punto circondati da pensieri negativi. Trasmetto l'idea che, se hai fiducia in te stesso, è possibile fare qualsiasi cosa.

Ho sempre creduto in me stesso, non ho mai perso fiducia nonostante in tanti dubitassero delle mie possibilità" Kyrgios è arrivato in finale grazie al ritiro di Rafael Nadal e l'australiano ha commentato la decisione del tennista spagnolo: "Non sono riuscito a parlare con Rafa, ho scoperto tutto mentre ero a cena, prima della sua conferenza stampa.

La mia prima sensazione è stata di delusione. Avevo concentrato tutte le mie energie nell'affrontarlo, nella mia tattica di gioco, nelle emozioni di scendere in campo e in tutto il resto. Non è stato facile per lui prendere questa decisione.

Sono sicuro che una parte di lui voleva giocare la partita. Quest'anno ha perso pochissimo, sono sicuro che avrebbe voluto vincere tutti e quattro i Grandi Slam, quindi non è stato facile. Ho pensato di mettere su un bel post per dire che abbiamo avuto delle grandi battaglie, e che in fondo tutti volevano vedere come saremmo andati in guerra oggi"