Nick Kyrgios show: "L’unica cosa di cui ho bisogno è un bicchiere di vino"



by   |  LETTURE 3998

Nick Kyrgios show: "L’unica cosa di cui ho bisogno è un bicchiere di vino"

Nick Kyrgios ha conquistato i quarti di finale in un torneo del Grande Slam per la terza volta in carriera battendo in cinque set Brandon Nakashima al quarto turno dei Championships. L’australiano aveva raggiunto lo stesso risultato nel 2014 a Wimbledon - solo una delle migliori versioni di Milos Raonic riuscì a fermarlo in quell’occasione - e nel 2015 a Melbourne.

Il nativo di Canberra ha dovuto fare i conti con un problema alla spalla, ma è riuscito a gestire il dolore e ha chiuso in scioltezza l’ultimo e decisivo set. Il suo prossimo avversario sarà Cristian Garin, che ha sicuramente sfruttato il forfait di Matteo Berrettini nella parte bassa del tabellone.

Agli ottavi di finale, il cileno ha rimontato uno svantaggio di due set a zero e annullato due match point nella parte finale dell’incontro.

Kyrgios: "Ho solo bisogno di un bicchiere di vino"

“Innanzitutto, vorrei fare i complimenti a Brandon per lo sforzo fatto.

È un giocatore infernale e ha solo 20 anni. Farà delle cose speciali in futuro, questo è sicuro” , ha dichiarato Kyrgios nell’intervista post-partita. “Non è stata la mia miglior prestazione, ma sono super felice di aver superato le difficoltà.

È stata davvero dura. Il pubblico è stato fantastico. È speciale giocare ancora una volta su questo campo. Problemi alla spalla? Ho giocato molte partite nell’ultimo mese e mezzo, ma sono orgoglioso del modo in cui ho gestito il match.

Il mio record al quinto set è abbastanza positivo, non ho mai perso a Wimbledon in cinque set. Garin? Mi sarebbe piaciuto affrontare Alex de Minaur, onestamente. Quando sono sceso in campo, Alex era avanti di due set. Pensavo che avrei trovato lui ai quarti, ma non voglio pensare alla prossima partita.

Stasera l’unica cosa di cui ho bisogno è un bicchiere di vino. Nel 2014 ho fatto il mio esordio a Wimbledon e ho battuto Rafael Nadal nel corso del torneo. Questa cosa mi è tornata in mente durante la partita.

Brandon non ha giocato molto su questo campo, penso sia stata la sua prima volta. Questa esperienza mi ha aiutato” .