Adriano Panatta commenta il ritiro di Matteo Berrettini da Wimbledon



by   |  LETTURE 21026

Adriano Panatta commenta il ritiro di Matteo Berrettini da Wimbledon

Col passare dei giorni forse i rimpianti e la delusione aumentano, anche per i risultati che il torneo sta registrando in questa prima settimana. Matteo Berrettini ha perso davvero una grande occasione nell'edizione 2022 di Wimbledon: il livello di gioco mostrato a Stoccarda e al Queen's al rientro dall'infortunio alla mano destra, il tabellone molto favorevole e la voglia di regalare altre gioie a se stesso e all'intera Italia dopo la finale del 2021 erano tutti fattori dalla sua parte, che facevano pensare a un altro risultato di spessore.

L'azzurro era imbattuto (e lo resterà in quest'annata) sull'erba, superficie che gli stava dando ottime sensazioni, ed era pronto all'appuntamento londinese, come certificato nell'allenamento svolto sul centrale con Rafael Nadal.

Poi la brutta notizia che ha cancellato tutte queste motivazioni: la positività al Covid al secondo tampone, effettuato dopo aver avvertito sintomi. L'annuncio sui social ha spiazzato tutti, seguito da una serie di messaggi di solidarietà.

Il regolamento ha confermato come il 26enne romano avrebbe potuto non sottoporsi ai test e giocare addirittura da positivo. La decisione presa dall'azzurro, anche per tutelare la salute del suo avversario, è stata quella giusta, da vero Campione.

A condividerlo gli stessi tennisti connazionali, da Lorenzo Sonego a Jannik Sinner, ma non solo.

I commenti

L'ex giocatore Adriano Panatta ha espresso il suo parere sul ritiro di 'The Hammer' attraverso il proprio account Twitter: "Berrettini ha dimostrato di essere un campione anche fuori del campo.

Peccato davvero, avrebbe potuto vincere il torneo. Daje Matteo, alla prossima" ha dichiarato. A intervenire sul tema anche Valentina Vezzali, sottosegretaria allo sport nel Governo: "Dispiace che il nostro Matteo non potrà difendere il risultato dello scorso anno.

Lo avrebbe potuto addirittura migliorare. L’importante è che guarisca quanto prima. Lo sport è anche questo: saprà rifarsi e dimostrare il suo valore" ha affermato sempre su Twitter.