Il duro sfogo di Benoit Paire: "Odio il tennis. In campo mi viene voglia di scappare"



by   |  LETTURE 21494

Il duro sfogo di Benoit Paire: "Odio il tennis. In campo mi viene voglia di scappare"

Benoit Paire non ha mai avuto paura di esprimere il suo pensiero e di mostrare il suo carattere esuberante dentro e fuori dal campo. Il tennista francese è finito nell’occhio del ciclone negli ultimi mesi per le sue prestazioni negative e per alcune dichiarazioni rilasciate alla stampa.

Paire ha infatti ammesso in più di un’occasione che in questo momento il tennis per lui rappresenta solo una fonte di guadagno e che preferisce non impegnarsi per ottenere importanti risultati. L'assenza degli spettaotri e gli stadi vuoti hanno sicuramente influito sul rendimento di Paire durante la pandemia, ma i suoi risultati non sono migliorati nemmeno con l’allentamento delle restrizioni e il passare del tempo.

Benoit Paire: "Odio il tennis. Giocare mi disgusta"

Il francese non sta vivendo uno dei suoi migliori momenti anche dal punto di vista emotivo e, in un’intervista a L’Equipe, ha dichiarato: “A Wimbledon per soldi? Per quelle cifre, vengo qualunque cosa accada.

Anche se mi viene consigliato di non giocare. Cerco di liberarmi di questa cosa, perché prima mi piaceva il tennis, mi piacevano questi momenti di tensione, stare in campo, ma ora mi sento davvero poco bene. È uno stato mentale che ho da un po’.

In questo momento provo antipatia per il tennis, lo odio. Andare in campo è una cosa che mi disgusta. Ogni volta che ci metto piede, mi viene voglia di scappare. Quando mi ritrovo in campo sono assalito dall'ansia, non riesco a gestirla.

Ecco perché al Roland Garros ho giocato poco e la mia prestazione qui era abbastanza prevedibile. Ho bisogno di ritrovare quel piacere di giocare che non riesco a provare più" . A Wimbledon, Paire è stato sconfitto al primo turno contro il connazionale Quentin Halys.

Dopo aver vinto il primo set, si è completamente perso e ha raccolto solo sette game. Il francese non è riuscito in nessun modo a impensierire il suo rivale e ha lasciato il torneo in malo modo.