Carlos Alcaraz commenta la sofferta vittoria contro Struff a Wimbledon



by   |  LETTURE 1482

Carlos Alcaraz commenta la sofferta vittoria contro Struff a Wimbledon

Esordio col brivido per Carlos Alcaraz che, alla sua seconda apparizione a Wimbledon dopo il secondo turno raggiunto l’anno scorso, rimonta lo svantaggio di 2 set a 1 e si impone al quinto set contro il tedesco Jan-Lennard Struff, chiudendo col punteggio di 4-6 7-5 4-6 7-6(3) 6-4 al termine di una battaglia durata oltre 4 ore.

Il 19enne spagnolo in conferenza stampa si è detto soddisfatto per la vittoria ottenuta e fiducioso per il prosieguo del torneo.

Alcaraz: “Felice per la vittoria. Mi piace giocare sull’erba”

Alcaraz ha commentato così il successo su Struff: “Sono molto felice per la vittoria di oggi.

Grande battaglia contro Struff, grande avversario, è stato un buon incontro per me. Mi è piaciuto molto, quasi quattro ore di partita. Giocare sull'erba è molto bello, mi piace giocare su questa superficie.

Il mio livello deve migliorare, ma sono contento di quello che ho mostrato oggi. Naturalmente non ho molta esperienza sull'erba. Migliorerò. Il mio livello è buono in questo momento”. Lo spagnolo ha poi aggiunto: “Ho perso ogni volta che ho fatto il servizio e la volée, non volevo riprovarci.

Per me è difficile, qui tutto va più veloce. Non vado a rete velocemente, quindi è difficile colpire la prima palla così lontano. È una cosa che volevo fare in partita. Sapevo fin dall'inizio che la partita sarebbe stata molto dura.

Struff ha un ottimo servizio, ottimi colpi. So che oggi dovevo essere molto concentrato in risposta, sulla seconda palla dopo la risposta, cercando di fare un buon passante o un buon pallonetto”. Alcaraz ha anche parlato delle difficoltà del giocare sull’erba.

“Oggi ho dovuto essere più concentrato perché lui attaccava più di me. Sull'erba è importante iniziare ad attaccare. Certo, è diverso. È più complicato spostarsi rispetto ad altre superfici.

Giocare quattro ore sull'erba è più difficile che su un'altra superficie, anche se non si hanno scambi lunghi. Uno scambio sull'erba è come tre o quattro su un'altra superficie” ha detto il giovane spagnolo.

L’attuale numero 7 del ranking ha dichiarato di non sentire la pressione. “Non sento la pressione perché non mi considero uno dei favoriti per la vittoria del torneo. Se gioco bene, ho il livello per vincere, ma ci sono molti altri giocatori più esperti che giocano meglio sull'erba. Voglio solo fare esperienza sull'erba e godermi ogni partita” ha concluso Alcaraz.