Gilles Cervara sul coaching: "Finalmente, basta ipocrisia"



by   |  LETTURE 1350

Gilles Cervara sul coaching: "Finalmente, basta ipocrisia"

L’ATP ha deciso di aprire le porte del circuito maggiore al coaching. Dopo il torneo di Wimbledon, infatti, inizierà la prima fase sperimentale e gli allenatori potranno comunicare con i rispettivi giocatori seguendo alcune regole.

Innanzitutto, non dovranno lasciare il proprio posto e avranno la possibilità di interloquire con gli atleti solo quando quest’ultimi saranno presenti nella stessa parte di campo. Il coaching non verbale, invece, sarà consentito in qualsiasi momento.

Gilles Cervara sul coaching: "Basta ipocrisia"

Gilles Cervara, attuale allenatore di Daniil Medvedev, ha espresso il suo punto di vista sulla decisione presa dall’ATP in un’intervista rilasciata a Tennis Majors.

"Io sono piuttosto favorevole, soprattutto a porre fine a questa ipocrisia che circola nell'ambiente e alla mancanza di coerenza con le sanzioni lanciate nei confronti degli allenatori. A volte il giudice di sedia non osa; mentre in determinate occasione decide di punire l'allenatore per un coaching meno appariscente .

Poi ci sono allenatori che vengono multati solo per aver detto ' Dai! ' durante la partita. Non era una situazione ben regolata" , ha spiegato il noto coach francese. "Aspettavamo l'annuncio da un po'

La decisione è stata presa dopo aver consultato diversi allenatori. Ho fatto notare loro che dovevamo porre fine a questa ipocrisia, poiché tutti gli allenatori a un certo punto fanno coaching , sia con le parole che con i gesti.

Penso che cambierà poco, considerando che il regolamento non permetterà che si svolga un dialogo sereno, come accade durante gli allenamenti. Coaching verbale e non verbale? Non sempre si possono mettere in atto entrambe le tipologie.

Sui campi grandi, ad esempio, i box sono lontani e gli allenatori sono impercettibili. Quindi la soluzione è utilizzare dei codi: gesti o semplici movimenti. Si tratta di trasmettere un messaggio in un secondo, quindi devi averlo studiato molto bene" , ha concluso Gilles Cervara. Photo Credit: Pete Staples/ USTA