Alexander Zverev richiama il giornalista: "Puoi almeno guardarmi? "



by   |  LETTURE 1981

Alexander Zverev richiama il giornalista: "Puoi almeno guardarmi? "

Alexander Zverev ha seriamente rischiato di lasciare il Roland Garros al secondo turno. Il tedesco non ha espresso il suo miglior tennis e si è ritrovato sotto di due set grazie all’ottima prestazione di Sebastian Baez, contro cui aveva vinto soffrendo anche agli Internazionali BNL d’Italia.

Zverev è riuscito a trovare il modo di rialzare la testa e ha dominato il terzo e il quarto parziale. Nell’ultimo e decisivo set, l’attuale numero tre del mondo ha nuovamente permesso a Baez di assumere il controllo degli scambi.

L’argentino ha prima sprecato il break di vantaggio e poi gettato alle ortiche un prezioso match point sul 5-4. Nel momento più importante del match, però, Zverev ha fatto la differenza e ha portato a casa gli ultimi tre game senza troppi patemi.

Zverev al giornalista: "Puoi almeno guardarmi? "

In conferenza stampa, il tedesco ha parlato dell’impatto dei social media sulla carriera di un tennista e risposto in modo ironico alla domanda di un giornalista che ha poi girato lo sguardo verso il proprio telefono.

“Puoi almeno guardarmi quando ti do una risposta? “ , ha detto Zverev al giornalista presente in sala stampa. “Perché tu mi hai fatto una domanda e poi te ne stai lì con il telefono.... La mia saluta mentale dipende da altri problemi, non dai social media.

Non ne parlo mai a differenza di altri giocatori. Non mi piace farlo, ma quest’anno ho lottato molto sotto questo punto di vista. Penso di essere stato anche piuttosto depresso. La pressione a cui siamo sottoposti è tanta, siamo costantemente sotto i riflettori.

Tutto è importante. Devi imparare a non soffermarti sui commenti negativi. I tennisti che hanno giocato 20-30 anni fa non possono capire. C’è sempre una telecamera pronta a inquadrarti o una persona pronta a insultarti sui social.

Questo è il mondo in cui viviamo adesso. È triste da constatare, ma è la realtà. Tutti possono dire quello che vogliono sui social network, nel bene e nel male” .