Chris Evert su Carlos Alcaraz: "Ora non avrà più pressione"



by   |  LETTURE 1556

Chris Evert su Carlos Alcaraz: "Ora non avrà più pressione"

Il secondo turno del Roland Garros è ancora in corso e fino ad ora ci sono state tante rimonte in extremis, vittorie che ad un certo punto sembravano quasi impossibili. Una delle più clamorose è arrivata nella giornata di ieri con il baby prodigio Carlos Alcaraz.

Il diciannovenne spagnolo si è ritrovato sotto due set a uno e con il suo avversario Ramos Vinolas intento a servire per il set sul 5 a 4 ha reagito alla grande annullando un match point e ribaltando la sfida. Anche nel quinto Carlos è partito sotto 0-3, ma ha ingranato la marcia e dopo circa quattro ore e mezza di gioco, chiuso con 6-4 al quinto set.

Qui a Parigi Alcaraz è incappato in una delle poche giornate no della sua carriera, ma in tanti sono rimasto stupiti da come è riuscito a gestire una situazione alquanto complicata.

Le parole di Chris Evert su Carlos Alcaraz

Ai microfoni di Eurosport l'ex campionessa Slam ha parlato così riguardo il giovane tennista:
"Di Alcaraz mi piace molto che è un ragazzo molto sicuro di sé, crede nel suo percorso ed ormai credo sia solo questione di tempo prima che lui vinca non uno ma più titoli del Grande Slam.

Non vedo tanti adolescenti con atteggiamenti come il suo, è davvero incredibile" Riguardo la sfida con Ramos Vinolas Chris Evert ha commentato: "Contro un tennista molto esperto, suo connazionale, ha disputato una partita vera ed ha mostrato grande maturità, quella che gli servirà in futuro per questo torneo.

Credo inoltre che grazie a questa vittoria Carlos sia più rilassato, sarà alleggerito dalla pressione" Nel post match Alcaraz ha parlato così in conferenza stampa: "Conoscevo bene Ramos e sapevo che sarebbe stata una sfida difficile.

Ho creduto in me fino alla fine, è stata dura soprattutto in occasione del suo match point, ma non ho mai smesso di credere in me stesso. Dopo la sua vittoria nel terzo set ho capito che potevo perdere ed ad un certo punto mi sentivo inferiore a lui. Ho dovuto cambiare qualcosa e credo che questo match mi sarà molto utile in futuro"