Alexander Zverev commenta il suo esordio vincente al Roland Garros



by   |  LETTURE 4286

Alexander Zverev commenta il suo esordio vincente al Roland Garros

Il tedesco Alexander Zverev ha iniziato con un buon esordio il Roland Garros 2022. Il tennista, numero 3 al mondo, non è considerato (complice un tabellone difficile) tra i principali favoriti per il torneo ma il suo ingresso nel secondo Slam dell'anno fa ben sperare i suoi supporters.

Un 6-2;6-4;6-4 all'austriaco Sebastian Ofner ed una prova solida che porta il tennista ad un record di 19 vittorie e 6 sconfitte nei tornei di Grande Slam sulla terra battuta di Parigi. Una prestazione solida e senza errori sono bastati al tennista per chiudere in meno di due ore di gioco ed il tennista nel post gara è apparso abbastanza soddisfatto: "Sono molto felice.

Di solito inizio i tornei del Grande Slam con un match di cinque set e tante ore in campo, ma Sergi Bruguera (il suo coach) mi ha detto che non dovevo assolutamente fare così e per una volta sono stato a sentirlo (ride).

Sono contento perché affrontavo un avversario che ha già giocato tre sfide qui e stava facendo bene. Sono contento di aver iniziato in questo modo"

Zverev e la sua esperienza sulla terra battuta

Il tennista tedesco recentemente ha parlato della sua esperienza sulla terra battuta in carriera ed ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Si tratta di una stagione consistente sulla terra battuta.

Ho fatto almeno la semifinale di ogni Master che ho giocato e la finale a Madrid”, ha dichiarato il numero uno tedesco. “Ho migliorato il mio livello di gioco con ogni torneo del tour sulla terra battuta; quindi spero di poter giocare il mio miglior tennis qui.

Ovviamente sono un po' deluso di non aver vinto un titolo sulla terra battuta quest'anno, ma siamo qui nella settimana più importante della stagione sulla terra battuta e se vinco il titolo qui sarò più felice"

Il secondo turno a Parigi per Zverev non sarà semplice visto che affronterà il serbo Dusan Lajovic o il campione all'Estoril Sebastian Baez, due tennisti entrambi molto ostici su una superficie come la terra battuta.