"Non cambierà nulla": Rublev torna sulla scelta degli organizzatori di Wimbledon



by   |  LETTURE 3168

"Non cambierà nulla": Rublev torna sulla scelta degli organizzatori di Wimbledon

Sarà il tennista russo Andrey Rublev a sfidare nella finale dell'Atp 250 di Belgrado il padrone di casa e numero uno al mondo Novak Djokovic. Il Top Ten russo si è liberato senza particolari patemi del tennista ligure Fabio Fognini, abbattuto con un doppio 6-2.

Gara senza storia fin dai primi momenti con l'esperto tennista azzurra che ha potuto poco o nulla contro un'ottima versione del tennista russo. Rublev ha voluto rispondere sul campo alle polemiche e nel post incontro è tornato sulla decisione del momento, ovvero quella degli organizzatori di Wimbledon di eliminare tennisti russi e bielorussi dalla competizione ed a causa della guerra di estrometterli dal torneo.

In conferenza stampa nel post incontro Rublev è tornato sulla vicenda ed ha rilasciato interessanti dichiarazioni: "Non mi preoccupano eventuali altre sanzioni dell'Atp, conosco la posizione dell'Atp ed anche loro sperano che si possa giocare.

Il mio augurio è che si possa trovare una soluzione buona per tutte le parti in causa. Non voglio combattere o creare polemica, anche io voglio la pace e qui parlo a nome della pace. Alla fine che noi atleti giochiamo o meno, non cambierà questa situazione".

Le dichiarazioni passate di Rublev sulla vicenda

Già qualche giorno fa Rublev aveva commentato la scelta degli organizzatori di Wimbledon: “Prima di tutto, sono una persona apolitica. Non seguo nulla perché lavoro duramente per giocare a tennis.

Questo è il mio solo lavoro.Cercherò solo di esprimere quello che provo. Ieri abbiamo avuto una chiamata, alcuni giocatori e Wimbledon, dove abbiamo parlato della situazione e come possiamo trovare una soluzione.

Onestamente, le ragioni che ci hanno dato per escluderci non hanno alcun senso. Capirei, per esempio, se espellessero i giocatori russi e bielorussi se questo portasse il 50% di sostegno o qualcosa del genere, se questo aiutasse il cambiamento.

Ma non porterà a nulla e non cambierà nulla". In questo momento Rublev ha vinto dieci titoli Atp ed avrà una grossa chance in finale a Belgrado contro Novak Djokovic.