Wimbledon a rischio per i tennisti russi: Nikola Pilic attacca il governo britannico



by   |  LETTURE 3673

Wimbledon a rischio per i tennisti russi: Nikola Pilic attacca il governo britannico

L’ITF ha deciso di seguire alla lettera il mandato del Comitato Olimpico Internazionale e ha escluso senza pensarci la Russia e la Bielorussia dalla Coppa Davis e dalla Billie Jean King Cup. Il nuovo grande punto interrogativo riguarda ora il torneo ATP 500 del Queen’s e Wimbledon, terzo Slam dell’anno.L’Inghilterra ha infatti utilizzato il pugno duro contro gli esponenti russi e il Ministro dello Sport vorrebbe lanciare un ulteriore messaggio in vista dei Championships.

Come anticipato dal quotidiano “Express” , circa un mese fa sarebbero iniziate le trattative tra il Ministro dello sport Nigel Huddleston e i membri dell’All England Club per escludere i giocatori russi dal prestigioso torneo britannico.

Sempre seguendo le indiscrezioni lanciate dalla testata londinese, il provvedimento dovrebbe colpire solo i soggetti che non prenderanno pubblicamente le distanze dall’invasione russa.

Pilic contro il governo britannico: le sue parole sulla questione "russa"

Il Ministro dello sport Nigel Huddleston ha specificato: “Abbiamo inviato una richiesta agli organi di governo di ogni singolo sport.

Se gli atleti russi e bielorussi desiderano partecipare a un evento sportivo nel Regno Unito, dovranno dimostrare la loro indipendenza e neutralità. Servirà una dichiarazione scritta per dimostrare che non ricevano soldi dal Presidente Vladimir Putin, dalla Russia o dalla Bielorussia.Dovranno anche affermare che non faranno commenti in favore di Putin e dei rispettivi Paesi.

Vogliamo essere sicuri che siano neutrali e che non siano collegati in alcun modo. Pertanto, pena l’esclusione, desideriamo che rilascino una dichiarazione scritta in cui ammettano di non sostenere il presidente russo.

Se il mondo dello sport decidesse di non permettere definitivamente agli atleti russi e bielorussi di competere, saremo pronti a supportarlo” . Nikola Pilic ha criticato duramente questa scelta in un’intervista rilasciata al quotidiano Kurir.

“È un vero peccato. Non mi sembra sia stata fatta una cosa simile quando gli americani hanno invaso l’Iraq e hanno ucciso un numero elevato di civili” , ha detto Pilic. “Hanno vietato ai loro tennisti di giocare? La considero una vera esagerazione, in tutti i sensi.

Esiste una sorta di Russofobia in Gran Bretagna. È sempre stato così” . Photo Credit: Getty Images