Emma Raducanu rivela la sua passione per i motori



by   |  LETTURE 2675

Emma Raducanu rivela la sua passione per i motori

La giovanissima Emma Raducanu ha archiviato la stagione su cemento ed è pronta ad affrontare le prime avventure sulla terra rossa.

Le sue parole

La vincitrice degli Us Open 2021 ha concesso un'intervista agli organizzatori del torneo di Stoccarda, prossima sua competizione: "Ricordo ancora di essermi bagnata completamente nelle fontane davanti alla cattedrale di Colonia, dopo aver vinto un torneo junior a Duren e poi un torneo ad Amburgo nel 2017.

Stavamo visitando la valle del Reno e la valle della Mosella. Quindi ho bei ricordi in Germania" ha dichiarato. Sulla nuova avventura: "Sono entusiasta di giocare il mio primo torneo Wta sulla terra battuta. È un bene che sia il Porsche Grand Prix of Tennis.

Seguo l'evento da quando ero giovane e per me è sempre stato l'evento in cui il vincitore prende una Porsche. Era qualcosa di unico e mi è rimasto impresso nella mente. Da quando ho partecipato al tour, ho sentito molte cose positive su questa competizione.

So che è uno dei tornei più popolari in calendario, e questo non sorprende: chi non vuole vincere una Porsche?" ha sottolineato La motivazione dell'inglese è battere le migliori giocatrici: "Sarà una sfida, ma ho già vinto partite contro alcune di queste atlete nella mia breve esperienza in tournée.

Sarebbe molto importante aggiungerne altre, soprattutto sulla terra rossa dove ho poca esperienza in quanto non ci sono campi nel Regno Unito. Questa stagione, con gli Open di Francia all'apice, sarà una sfida interessante, non vedo l'ora" ha aggiunto.

La sua passione per i motori: "Ho iniziato molto presto, quando ero una bambina di 6 anni, andando sui go-kart. Questo mi ha fatto sentire diverso dagli altri ragazzi e ragazze in un modo molto speciale e positivo. Mi sono divertita molto quando ho iniziato a essere brava e ad avere fiducia in me stesso.

Successivamente il motocross è stato più impegnativo del kart. Ma è stato anche molto divertente perché, ammettiamolo, a quale bambino non piace sporcarsi nel fango?" ha concluso.