Le bellissime parole di Reilly Opelka per Isner dopo il trionfo a Houston



by   |  LETTURE 2362

Le bellissime parole di Reilly Opelka per Isner dopo il trionfo a Houston

A Houston, sulla terra rossa statunitense, è andata in scena la battaglia finale tra di due giganti buoni del tennis: Reilly Opelka e John Isner. Nella finale più alta del torneo dell’ATP Tour, però, il servizio non ha determinato quanto ci si aspettava: in poco meno di due di match, ci sono stati tredici break point e cinque mini-break nel tiebreak del secondo set.

Proprio questi hanno determinato il vincitore del torneo americano: nel derby a stelle e strisce, è Reilly Opelka a spuntarla in due set, con il punteggio finale di 6-3, 7-6 (7). Per lo statunitense del Michigan, è il quarto titolo dell’ATP, ma il primo titolo su terra battuta.

Nell’intervista post match, tuttavia, le parole del numero 17 del mondo sono state dedicate al suo avversario, che ha definito come suo idolo di infanzia. “Era il mio idolo da bambino e prima ancora che lo incontrassi, mi piaceva.

Ma dal momento che siamo diventati così buoni amici e abbiamo trascorso così tanto tempo in tour, ora mi piace ancora di più", ha detto Opelka di Isner durante la cerimonia del trofeo. "È stato un modello incredibile non solo per me, ma per Taylor Fritz, Frances Tiafoe e Tommy Paul.

Tutti diciamo la stessa cosa. È stato un concorrente incredibile per molto tempo"

La risposta di John Isner

Per Opelka, quindi, John Isner è stato un modello non solo per se stesso, ma anche per tutta la giovane generazione di tennisti americani di questi ultimissimi anni.

A parole così belle, l’altro tennista statunitense ha deciso di rispondere con altrettante parole di stima. “Abbiamo giocato una manciata di volte e tu continui a battermi. Ti odio per questo!", ha scherzato Isner.

"Ma è stato davvero bello giocarti in una finale. Penso che sia davvero unico. Ovviamente ci sono molte somiglianze tra me e Reilly, ma io sono molto più grande di lui e lui ha molti più anni davanti a sé nel Tour; quindi, per me giocare con te in una finale, penso che sia molto, molto speciale"