Stefanos Tsitsipas rivela le sue sensazioni in vista del Masters 1000 di Montecarlo



by   |  LETTURE 2842

Stefanos Tsitsipas rivela le sue sensazioni in vista del Masters 1000 di Montecarlo

Con la fine del Masters 1000 di Miami, è iniziata la nuova stagione tennistica: quella della terra battuta. Dopo i primi tornei, da Marrakech a Houston, si torna in Europa, in particolare a Montecarlo. Nel principato monegasco, va in scena il terzo torneo 1000 della stagione e il primo della seconda superficie per ordine di tempo del tennis.

Uno dei protagonisti del torneo (e della superficie) è sicuramente Stefanos Tsitsipas: il greco è il campione in carica di Montecarlo, nella finale conquistata contro Andrey Rublev nel 2021. Nel Media Day del torneo di Montecarlo, il tennista greco ha parlato proprio di come affronterà questo primo torneo di terra rossa.

“Qui mi sento a casa, avendo la possibilità di giocare su questo campo quest'anno davanti a un pubblico numeroso che viene da Italia e Francia. Ho dei fan qui a Monaco, ho anche una famiglia qui", ha detto il numero cinque del mondo, che ha ricordato come la sua finale sia avvenuta in piena pandemia Covid.

Il Masters 1000 monegasco arriva dopo un altro torneo 1000: il Miami Open. Tsitsipas svela quali sono le sensazioni nel passaggio da cemento a terra e da USA all’Europa. “Non è stata la transizione migliore.

Tornare da Miami è sempre il peggior passaggio della stagione. Soprattutto, è l'adattamento in termini di sonno e allenamento. Sei nel bel mezzo della giornata e sei abbastanza esausto. Ma mi piace il passaggio dal cemento alla terra battuta.

È una bella sensazione", ha detto il tennista greco.

Le parole di Tsitsipas su Wawrinka

In vista dell’esordio al torneo monegasco, Stefanos Tsitsipas si è allenato con Stan Wawrinka. Nel giorno dei Media di Montecarlo, il finalista dell’ultima edizione del Roland Garros ha parlato di chi l’Open di Francia l’ha vinto nel 2015: “L'ho visto giocare meglio”, ha detto il greco, “Essendomi allenato con lui in passato, può giocare a un buon livello.

È qualcuno che può andare là fuori e fare molte cose buone. Onestamente, mi sembra di averlo visto meglio in passato, ma non credo che nessuno dovrebbe giudicarlo in base a questo”, ha concluso la terza testa di serie del torneo di Montecarlo.