Alex Corretja elogia Carlos Alcaraz e parla del suo futuro nel tennis



by   |  LETTURE 2246

Alex Corretja elogia Carlos Alcaraz e parla del suo futuro nel tennis

Elogi, analisi approfondita sul suo attuale momento e futuro. Su questi temi Alex Corretja si è espresso su Carlos Alcaraz.

Le sue parole

Il commentatore televisivo pensa che il nuovo fenomeno iberico sia uno stimolo per il 21 volte vincitore Slam: "Rafa dovrà andare al limite per superarlo e batterlo.

Questa situazione è perfetta per lui, perché lo porterà a migliorare ancora di più il suo gioco. Troverà il modo di battere Alcaraz, ha giocato contro di lui a Indian Wells e ha sofferto molto.

Sa che deve offrire una prestazione perfetta per sconfiggerlo. Nadal è molto più vecchio e ha molta più esperienza. È il migliore di tutti i tempi, soprattutto sulla terra battuta, ma affrontare Carlos sarà una grande sfida per lui.

Rafa sarà motivato ad allenarsi e migliorare gli aspetti per far male ad Alcaraz o agli altri avversari. Loro due condivideranno l'attenzione di tutti e si divertiranno moltissimo" ha commentato sugli atleti iberici.

Poi l'analisi sul 18enne allenato da Juan Carlos Ferrero: "Al momento è solo l'inizio. Quindi andiamo passo dopo passo, ma questo è enorme per il tennis spagnolo e per il tennis in generale. È la migliore notizia che possiamo avere.

Ha buone possibilità di vincere il Roland Garros, di sicuro. Dobbiamo vedere come andrà la stagione sulla terra battuta, ma sicuramente in questo momento a nessuno piace giocare contro di lui, perché sai già che dovrai soffrire.

È un ragazzo che vola in campo, colpisce forte la palla, difende bene e ovviamente che lotta fino alla fine” ha sottolineato. Poi ha proseguito: "Non si tratta di metterlo sotto pressione, è una realtà.

Sta dimostrando di essere pronto, e quando lo sei, significa che il tuo livello è alto ed è importante. Quindi penso che sia un'ottima notizia quando ti danno questo tipo di responsabilità per essere un buon campione.

Quello che ha fatto è quasi un miracolo, perché è migliorato molto. Qualche anno fa era 300 del mondo, l'anno scorso era attorno ai 100 e ora è 11esimo. Il suo salto è semplicemente enorme, il che è davvero sorprendente" ha aggiunto.

Sul gioco: "Sta migliorando il suo servizio, ma può fare ancora meglio. È coraggioso, gli piace attaccare, ma gli piace anche difendere. Il suo atteggiamento è fantastico, è sempre positivo ed è sempre di buon carattere" ha concluso.