Le sconvolgenti dichiarazioni di Nick Kyrgios dopo la vittoria a Houston



by   |  LETTURE 19411

Le sconvolgenti dichiarazioni di Nick Kyrgios dopo la vittoria a Houston

La stagione della terra rossa è iniziata e quest’anno vede coinvolti anche nomi meno noti in questa particolare superficie. Nick Kyrgios, infatti, che mai ha espresso parole d’elogio per questa fase della programmazione tennistica.

In una Instagram stories di qualche anno fa, aveva detto che la terra “non dovrebbe essere considerata una superficie”. Alle parole, però, sono seguiti i fatti: l’australiano non ha presenziato in un torneo sul rosso dal 2019.

L’ultimo torneo che ha visto la partecipazione di Kyrgios sono stati gli Internazionali di Roma nel 2019, dove è uscito al secondo turno per mano dell’attuale numero sette del mondo, Casper Ruud. Nonostante queste dichiarazioni, Nick Kyrgios ha deciso di tornare sulla terra rossa dopo tre anni, all’ATP di Houston.

Un ritorno non solo al campo, ma anche alla vittoria: il vincitore degli Australian Open in doppio ha superato, con non poche difficoltà, il primo turno, vincendo contro Mackenzie McDonald in tre set, con il risultato di 4-6, 6-3, 6-4.

Con la vittoria dell’australiano, la sua narrativa sulla terra rossa è parzialmente cambiata.

Le parole di Nick Kyrgios sulla terra

"La terra rossa non è chiaramente la mia superficie preferita, ma ho servito molto bene, ho iniziato a giocare in modo molto più aggressivo e sono riuscito a trovare una marcia in più.

Sì, sono scivolato e sono caduto alcune volte, ma penso che il mio gioco si adatti molto bene su questa superficie”, ha detto Kyrgios, “C'è una grande atmosfera là fuori e il pubblico è abbastanza coinvolto; quindi, non vedo l'ora di continuare a portare avanti l'evento"

Nel post match, non sono mancate parole anche per l’avversario, lo statunitense Mackenzie McDonald. "[Mackenzie] è un giocatore straordinario", ha aggiunto Kyrgios, "È un tipo difficile perché non fa troppi errori"

Nel secondo turno di Houston, l’australiano affronterà un altro statunitense, Tommy Paul, che ha superato al primo turno Gojowczyk, beneficiando del suo ritiro.