Cerundolo dopo la sconfitta contro Ruud: "Sono orgoglioso di quello che ho fatto"



by ANTONIO FRAPPOLA

Cerundolo dopo la sconfitta contro Ruud: "Sono orgoglioso di quello che ho fatto"

All’esordio assoluto in un evento Masters 1000, Francisco Cerundolo ha raggiunto le semifinali al Miami Open. Il tennista argentino è stato sicuramente assistito dalla fortuna nel cammino che lo ha portato a giocarsi la finale con Casper Ruud.

Dal colpo di sole che ha condizionato Tallon Griekspoor ai ritiri di Reilly Opelka e Jannik Sinner, sono tanti le agevolazioni che ha ricevuto Cerundolo, che ha comunque sfruttato nel migliore dei modi le condizioni precarie dei suoi avversari.

Il giocatore classe 1998 si è arreso in semifinale a un solido Ruud lottando alla pari nel primo set. Nella seconda frazione di gioco, invece, non ha più messo in difficoltà il norvegese e ha raccolto un solo game.

Le dichiarazioni di Cerundolo dopo la semifinale con Ruud

"Ovviamente in questo momento sono un po' arrabbiato, ma devo pensare alle due settimane vissute a Miami. Sono state due settimane incredibili. Penso di aver giocato il mio miglior tennis" , ha spiegato l'argentino in conferenza stampa.

"Ho vinto il mio primo incontro in un Masters 1000, conquistato il mio primo main draw in questa categoria e sono arrivato in semifinale. Penso di aver ottenuto le migliori vittorie della mia carriera battendo grandi giocatori.

Tutto sommato, sono state due settimane fantastiche. Tra qualche ora sarò più felice, ma devo essere davvero orgoglioso di quello che ho realizzato qui. Tensione alla fine del primo set? Sinceramente in quel momento non ero nervoso.

Sì, ho fatto diversi errori e questo mi è costato un set. All'inizio ero più nervoso, eppure ho giocato i migliori due game della mia partita" . Cerundolo esprime il suo miglior tennis sulla terra battuta e non vede l'ora di sfruttare la lunga stagione europea per contiunare a crescere.

"Ho tanta voglia di giocare sulla terra battuta. Ora mi riposerò per due settimane, non credo che giocherò a Houston la prossima settimana e nemmeno a Monte Carlo. Inizierò il mio tour subito dopo. È emozionante perché sono cresciuto giocando sulla terra battuta, amo la superficie e questo mi conferisce molta fiducia" . Photo Credit: Peter Staples / ATP Tour