Medvedev, dalla vittoria contro Andy Murray alla prima posizione di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 1936

Medvedev, dalla vittoria contro Andy Murray alla prima posizione di Novak Djokovic

Daniil Medvedev cercherà di riconquistare per la seconda volta in carriera la prima posizione del ranking ATP persa dopo appena tre settimane. A fermare anzitempo la sua corsa al Masters 1000 di Indian Wells è stato un ottimo Gael Monfils, che ha siglato la sua seconda vittoria contro il numero uno del mondo.

Il tennista russo dovrà raggiugnere almeno le semifinali al Miami Open per ritrovare la vetta della classifica mondiale e ha iniziato il suo cammino con una convincente vittoria ai danni di Andy Murray. Lo scozzese non è riuscito a fare partita pari con Medvedev e, soprattutto, a incidere in risposta.

Il 26enne di Mosca non ha concesso nessuna palla break e ha strappato la battuta al suo avversario ben tre volte: una nel primo set, due nel secondo.

Medvedev batte Murray: "E' stata una grande partita"

“Penso sia stato un grande match.

Non è mai facile affrontante i primi turni in un Masters 1000, anche se ti alleni sullo stesso campo per uno o due mesi. Gli allenamenti sono qualcosai di completamente diverso rispetto alle partite ufficiali in un torneo” , ha spiegato Medvedev al termine dell’esordio al Miami Open ai microfoni dell'ATP.

“Quindi sono felice di aver gestito bene le cose e di non aver concesso palle break al mio avversario. Ci sono alcuni aspetti su cui devo migliorare, ma è stata una grande partita contro un fantastico giocatore.

Sono felice di aver passato il turno. Nelle giornate in cui servi bene, il tuo avversario non ha grandi libertà in risposta. Questo ti aiuta. Nel secondo set il punteggio è stato netto, ma all’inizio è stata dura.

Quando il tuo avversario sa che probabilmente troverai diversi ace o che comunque non sarà facile per lui rispondere, subisce una forte pressione anche al servizio. Questo è quello che succede in questa tipologia di partite.

Cerco di sfruttare tutte le mie opportunità, almeno ci provo. Oggi, ci sono stati momenti in cui ero davvero contento per il livello di gioco espresso” . Photo Credit: Peter Staples/ ATP Tour