Alexander Zverev non ha dubbi sul periodo negativo: "I risultati parlano da soli"



by   |  LETTURE 2045

Alexander Zverev non ha dubbi sul periodo negativo: "I risultati parlano da soli"

Il numero quattro del ranking mondiale Atp ha passato decisamente periodi migliori nel circuito, soprattutto per quanto riguarda i risultati ottenuti in campo e il rapporto col pubblico. Un momento non semplice da gestire e affrontare per Alexander Zverev, che non si è reso protagonista di un grande inizio di stagione, al contrario delle alte aspettative immaginate da addetti ai lavori e appassionati.

Il tedesco ha faticato a confermare sul cemento l'incredibile trend di fine 2021 e ha incassato tante sconfitte amare, nonché un episodio che non è andato giù a gran parte del mondo del tennis. Finora Sascha ha collezionato un quarto turno agli Australian Open, primo Grande Slam dell'annata, una battuta d'arresto in finale in un Atp 250 francese, la squalifica ad Acapulco per comportamento irregolare durante la fine di un match di doppio (in cui ha cercato di colpire più volte il giudice di sedia e rendendosi autore di altri atteggiamenti sopra le righe, scusandosi poi a mente fredda) e l'eliminazione istantanea al debutto a Indian Wells.

Un rendimento che dovrà essere assolutamente migliorato nelle prossime settimane, se vuole pensare di sorpassare nuovamente Rafael Nadal al numero 3 in graduatoria.

Le sue parole

Arrivato a Miami, il nativo di Amburgo ha commentato in conferenza stampa il suo percorso in terra californiana: "Il doppio mi ha tenuto impegnato.

Mi sono divertito moltissimo e siamo stati bravissimi. In semifinale non abbiamo avuto chance contro John Isner e Jack Sock, ma sotto questo aspetto è stato un buon torneo. Mi sono divertito a Indian Wells, nonostante abbia perso presto in singolare, anche se penso di essere uscito contro qualcuno che ha giocato bene.

Sono riuscito ad allenarmi tanto e spero di poter tornare al mio livello" è il desiderio espresso davanti ai media. La competizione in Florida ha sempre fatto sorridere Zverev: "I risultati parlano da soli, vero? A Indian Wells non ho mai fatto bene.

Se guardiamo più in generale, è sempre stato un torneo in cui ho perso al secondo o al terzo turno. Se siamo realisti, qui ho già fatto una finale. Quando si è giocata a Key Biscayne, ho raggiunto il mio primo quarto di finale in un Master 1000.

Questa è una settimana che riporta bei ricordi, spero di poterli spostare in questo nuovo stadio. Dopotutto è quello di cui ho bisogno in questo momento" ha aggiunto e concluso.