Emma Raducanu soffre la pressione? Il pensiero di Patrick Mouratoglou



by   |  LETTURE 3259

Emma Raducanu soffre la pressione? Il pensiero di Patrick Mouratoglou

Il sorprendente successo agli US Open ha inserito il nome di Emma Raducanu tra quelli delle migliori tenniste del momento e dal futuro florido. Partita dalle qualificazioni, la giovanissima giocatrice britannica è riuscita a farsi largo nel tabellone a Flushing Meadows fino alla conquista del titolo nella finale contro la collega canadese Leylah Fernandez.

Da quel momento, la Raducanu è inevitabilmente finita sotto la luce dei riflettori, attirando a sé numerosi brand importanti che l’hanno ingaggiata come proprio testimonial. L’ultimo illustre contratto firmato è quello con la nota casa automobilistica Porsche, ma la 19enne nativa di Toronto ha già siglato accordi con Wilson, Nike, Dior, Tiffany & Co (con il quale ha siglato un accordo da 2 milioni di dollari) e Vodafone.

Se tutto questo l’abbia distolta dal suo primario impegno, cioè esprimere le sue innegabili qualità su un campo da tennis, questo non è dato saperlo. Certo è che, dal trionfo agli US Open in poi, le grandi aspettative riposte su di lei sono state disattese visti i risultati.

In merito si è espresso il noto allenatore francese Patrick Mouratoglou, che ha tracciato un quadro generale di Emma Raducanu.

Mouratoglou: “Non ha le basi per essere sotto così tanta pressione”

Già tecnico della pluricampionessa Slam Serena Williams e meta ambita da tanti giovani tennisti con la sua accademia, Patrick Mouratoglou è stato interrogato sulla figura di Emma Raducanu.

A suo dire, ciò che sta impedendo all’astro nascente britannico di affermarsi con continuità è l’incapacità di sopportare tutta la pressione su di lei abbattutasi dopo l’exploit degli US Open: “È successo tutto così in fretta e da un giorno all'altro per Emma [Raducanu] e non credo che lei abbia la base per subire tanta pressione – ha spiegato il celebre allenatore francese − .

Ha un ottimo gioco ed è una grande atleta. Ha dimostrato una forza mentale incredibile, perché quello che ha fatto agli US Open è qualcosa di speciale. Ha una buona squadra e potete vedere che sta facendo la sua parte.

[Si] dovrà essere molto pazienti con lei, perché se è troppo sotto pressione, le farà del male e potrebbe avere un impatto sulla sua carriera. Penso che possa vincere altri Grandi Slam, ma credo che sia molto presto per vincerne altri perché ha giocato senza alcuna pressione e improvvisamente tutta la pressione è venuta su di lei così lei non è più la stessa giocatrice che era pochi mesi prima degli US Open.

Quando sei sotto pressione, le tue debolezze appaiono e lei non è pronta per questo, è quello che penso. Lo sarà in futuro? Io credo di sì. Se è capace di mantenere la mentalità che ha in questo momento con il lavoro che sta facendo, penso che abbia il gioco, le capacità fisiche e la forza mentale per farlo in futuro” .