Il curioso paragone di Tommy Haas tra Daniil Medvedev e un altro tennista



by   |  LETTURE 2110

Il curioso paragone di Tommy Haas tra Daniil Medvedev e un altro tennista

E’ iniziato ieri il primo Master 1000 della stagione ATP ad Indian Wells e per Daniil Medvedev il torneo nel deserto californiano ha un valore speciale: sarà il primo in cui il tennista russo si presenta da numero uno del mondo.

Medvedev sarà naturalmente testa di serie numero 1 e potrà approfittare della definitiva assenza di Novak Djokovic, il quale ha annunciato soltanto qualche ora prima dell’inizio del torneo che non né avrebbe preso parte nonostante fosse stato inizialmente inserito nel tabellone principale.

Il direttore del torneo di Indian Wells Tommy Haas ha speso parole d’elogio per il nuovo numero uno del ranking, azzardando un paragone abbastanza inatteso.

Tommy Haas su Medvedev: “Solo poche persone possono batterlo”

L’ex tennista tedesco, in una recente conversazione su Tennis Channel, ha esaltato lo stile di gioco di Daniil Medvedev, paragonando la sua difesa e il suo gioco da fondocampo a quello di Diego Schwartzman.

“Si vede che (Daniil Medvedev) ormai da qualche anno gioca un tennis molto consistente, quando è in forma e quando fa il suo gioco. È molto, molto difficile batterlo nello scambio, per essere quasi due metri gioca come uno Schwartzman in qualche modo, si muove così incredibilmente bene.

È così lontano dietro la linea di fondo, anche se provi a servire e tirare al volo o a cambiare un po' le cose. È molto difficile capire un piano di gioco per cercare di batterlo” ha detto Haas.

Parlando con l'ex giocatore Chanda Rubin, che faceva anche lui parte della trasmissione, Haas ha affermato che vincere uno slam e salire al numero 1 ha aumentato in maniera esponenziale la fiducia di Medvedev. “Quando hai fiducia nel tuo gioco, come sai Chanda, questo ti porta ad un altro livello, giusto? Ti senti come se fossi una specie di intoccabile e ci sono solo poche persone che possono batterti.

E penso che se continui a vincere e ti togli la pressione di dosso per aver vinto il tuo primo Grande Slam, finalmente, e ora sei il numero uno, ti senti come se fossi in cima al mondo. Ed è una sensazione incredibile, ne sono sicuro.

In questo momento ci sono solo pochi ragazzi che possono dargli filo da torcere” ha commentato il direttore del torneo di Indian Wells. In conclusione Haas si è detto convinto che Medvedev migliorerà il risultato dell’anno passato, quando venne eliminato agli ottavi da Grigor Dimitrov.

“Medvedev cercherà di fare meglio dell'anno scorso. Penso di ricordare che ha giocato contro Dimitrov forse agli ottavi, o ai quarti, non sono sicuro. Era in vantaggio 6-4, 4-1 in realtà doppio break e in qualche modo è riuscito a perdere una partita come quella, che è stata davvero dura per lui, sono sicuro che l'ha presa bene perché era ancora stanco dopo aver vinto gli US Open, ma a tutti piace arrivare qui stando bene.

Quindi tutti vogliono rimanere qui il più a lungo possibile. Quindi anche quest’anno ci saranno un sacco di storie fantastiche davanti a noi, ne sono sicuro” ha concluso Haas.