Borna Coric torna a giocare: le sue sensazioni al rientro



by   |  LETTURE 4300

Borna Coric torna a giocare: le sue sensazioni al rientro

È datato 6 marzo 2021 l'ultimo match ufficiale disputato da Borna Coric nel circuito Atp. A distanza di tantissimo tempo, il tennista croato è tornato nei ranghi e ricomincerà a giocare: nuovo esordio in programma al Master 1000 di Indian Wells, nel quale affronterà lo spagnolo Davidovich Fokina nel primo turno del torneo.

Una partita decisamente complicata che servirà al giocatore soprattutto per riprendere confidenza con la racchetta sui campi. In un'intervista rilasciata a Tennis Major, il 25enne ha raccontato l'ultimo difficile anno trascorso e raccontato le sensazioni del rientro.

Le sue parole

"Gioco da un po' ormai, ho iniziato il 1 novembre ma in quel momento non potevo servire. Ho giocato a tennis negli ultimi tre mesi e dal secondo sono stato in grado di battere a dovere. Fu allora che mi dissi che dovevo fare di nuovo amicizia con la palla.

È fantastico perché sono sette mesi che non imbraccio una racchetta, il periodo più lungo della mia carriera” ha spiegato l'atleta, che non vede l'ora di giocare. Le sensazioni in California: "Nell'ultimo mese e mezzo a Zagabria sono rimasto sorpreso dal livello di gioco che stavo mostrando.

Qui le condizioni sono diverse, ho fatto due partite di allenamento terribili, ma non sono preoccupato. La cosa più importante per me è che la spalla sta andando bene. Ho sentito un po' di dolore in queste esibizioni per testare il mio corpo, ma è comprensibile.

Con Davidovich on so cosa aspettarmi, la chiave sarà rilassarmi e divertirmi" ha aggiunto. Il suo team è ora composto dal fisioterapista Yianis Louizos e dal coach Mate Delic: "Questa pausa mi ha fatto capire quanto amo il tennis, mi è mancato così tanto.

Negli ultimi otto anni mi sono sentito come se fossi stato schiacciato da tutte le pressioni e le aspettative. Quindi quello che mi è successo è stato positivo, ho avuto l'opportunità di resettare, rinnovare la mia passione e rendermi conto di quanto mi godo la mia vita di tennista" ha concluso.