Tartarini e la vittoria di Lorenzo Musetti in Davis: "Un acceleratore di maturità"



by   |  LETTURE 2042

Tartarini e la vittoria di Lorenzo Musetti in Davis: "Un acceleratore di maturità"

Nel periodo più difficile della sua giovane carriera, Lorenzo Musetti ha trovato il successo più importante in Coppa Davis e portato l’Italia ai gironi della storica manifestazione a squadre. Il 20enne di Carrara è sceso in campo nella sfida decisiva contro Norbert Gombos e ha disputato una grandissima partita.

Sotto di un set, Musetti non ha mai mollato e ha imposto il suo ritmo agli scambi nel secondo e nel terzo parziale. “La cosa più bella è che siamo un gruppo veramente unito. Non potevo sognare esordio migliore.

È stato più bello vincere così. E’ stato veramente difficile per noi, i giocatori slovacchi hanno giocato cinque incontri pazzeschi. Ci siamo guadagnati questa qualificazione. Il merito non è mio, ma di tutta la squadra” , ha dichiaro Musetti dopo l’importante successo.

“Un merito enorme a Filippo( Volandri, ndr) e i suoi collaboratori, perché sono riusciti ad unire la squadra in maniera pazzesca. Filippo era abbastanza sicuro che avessi i mezzi per poter dar fastidio a Gombos.

Mentalmente ero abbastanza pronto, ma scendere in campo sul 2-2, non avendo mai giocato, non è stato facile. Ho avuto una bellissima reazione dopo aver perso il primo set e quindi sono strafelice” .

Tartarini e il successo ottenuto da Musetti in Coppa Davis

La vittoria contro Gombos potrebbe assumere un significato speciale per Musetti, come ha riconosciuto il suo storico allenatore Simone Tartarini.

“Ha capito di essere come gli altri, al loro livello. Mi ha chiamato subito dopo, senza voce per le urla di gioia. Ancora quasi incredulo della portata della sua impresa. Mi ha solo detto 'sono sfatto, dormirò per tutto il viaggio fino a Indian Wells' " ha detto Tartarini in un'intervista a La Gazzetta dello Sport.

"Avevamo detto che ci sarebbe servita un po' di fortuna, ma stavolta la fortuna non c'entra niente. È stato bravissimo, ha giocato la partita giusta al momento giusto. Ha messo in campo le sue capacità, anche la tenuta mentale.

Ovviamente non è che adesso andiamo in America e vince tutto, ma speriamo che sia un altro mattone importante nella sua costruzione come giocatore. È un percorso lungo e questa è una tappa importante che resterà per sempre nella sua vita. Un acceleratore di maturità" . Photo Credit: AP