Filippo Volandri fa il punto sull'Italia: "Sinner grande esempio, Musetti..."



by   |  LETTURE 4078

Filippo Volandri fa il punto sull'Italia: "Sinner grande esempio, Musetti..."

Soffre continuamente per entrambi i giorni, ma alla fine trova la zampata decisiva per il passaggio del turno. L'Italia ha sconfitto a Bratislava la Slovacchia e si è regalata la qualificazione alla fase a gironi dell'edizione 2022 della Coppa Davis.

Decisive le vittorie dei 20enni Jannik Sinner e Lorenzo Musetti, autore del punto decisivo al termine di una partita in cui ha gettato il cuore oltre l'ostacolo. Il capitano azzurro Filippo Volandri ha mostrato tutta la sua felicità nell'intervista post-confronto, rilasciata a SuperTennis, raccontando le emozioni e il significato del successo: "Se pensiamo a tutto quello che è successo e da dove siamo partiti...

è vero che si tratta solo di una qualificazione ma c'è davvero tanto dietro, fra lavoro, sacrificio. Tutto il merito va ai ragazzi, chi ha dato l'anima, chi ha giocato e non ha giocato. Abbiamo dato il 110%.

Durante l'incontro di Lorenzo, ho pensato che in qualsiasi modo sarebbe andata a finire la sfida, ero convinto che avevamo dato l'anima in campo" ha spiegato.

Le interessanti considerazioni

L'ex giocatore ha rivelato cosa ha suggerito a Musetti nell'ultimo cambio campo: "Gli ho detto che se avesse avuto mezza occasione, doveva spingere e andarsi a prendere il punto.

Così ha fatto ed è stato bravissimo. Esordire così in Davis, sul 2-2, a quell'età non è affatto facile. È vero che avevamo delle garanzie, perché abbiamo imparato tanto da lui in questi giorni, ma ha giocato una partita strepitosa" ha rivelato.

Poi ha aggiunto: "Qualificazione speciale, anche per quanto Matteo Berrettini e Fabio Fognini sono stati presenti, e lo saranno pure fisicamente nelle prossime occasioni. Siamo un grande gruppo, molto unito, e questo è quello che conta alla fine"

Il punto sulla giornata di sabato: "La scelta del doppio è condivisa con i ragazzi. Io mi assumo ovviamente la responsabilità finale. Per me abbiamo giocato tre ottimi set, dominando la partita. Nel primo abbiamo avuto quattro chances di break, non sfruttate anche a seguito di scambi lunghissimi.

Loro alla prima occasione ci hanno punito e su questo continueremo a lavorare per migliorare ed essere più pronti in questo tipo di situazioni. Nel secondo e terzo parziale abbiamo sempre giocato bene, però purtroppo la Coppa Davis è anche questa.

Complimenti a Jannik Sinner perché ha dato di nuovo prova di un esempio pazzesco. Giocare in coppia, consapevole che avrebbe avuto il match di singolare subito dopo: dopo 2h10m va in campo e dimostra a tutti il suo valore, a prescindere dalle prestazioni ancora una volta ha dato un grande esempio" ha rimarcato Volandri.

"Quando si costruisce qualcosa di grande, si passa da momenti di grande sofferenza. Un ruolo fondamentale lo ricopre tutta la squadra alle spalle, che lavora tutti i giorni. Siamo uno splendido gruppo" ha concluso.