Mats Wilander mette in dubbio il primato nel ranking di Daniil Medvedev



by   |  LETTURE 3211

Mats Wilander mette in dubbio il primato nel ranking di Daniil Medvedev

Negli ultimi giorni la classifica Atp è stata sconvolta dal cambiamento in vetta con il tennista russo Daniil Medvedev che ha superato Novak Djokovic ed è diventato numero uno al mondo per la prima volta in carriera.

Nonostante il primato questo 2022 è stato finora deludente per il russo che è uscito dall'Atp Cup e soprattutto ha subito due dolorose sconfitte dal grande rivale, il tennista spagnolo Rafael Nadal. L'ultima è arrivata pochi giorni fa ad Acapulco, arrivata anche in maniera netta, ma la sconfitta che più brucia in questa annata è quella arrivata in finale agli Australian Open 2022, arrivata dopo che la vittoria sembrava ad un passo.

Daniil era avanti 2 set a zero, 3 a 2 ed era avanti 0-40 sul servizio di Rafa, ma in quel momento la gara è cambiata e nonostante l'età Nadal ha compiuto una delle più grandi imprese della sua carriera raggiungendo quota 21 titoli del Grande Slam.

Per Medvedev una sconfitta che qualche settimana dopo è stata addolcita dal primato nel ranking Atp.

Mats Wilander parla del ranking di Daniil Medvedev

Il commentatore di Eurosport ed ex campione di tennis Mats Wilander ha parlato del primato di Daniil Medvedev ed ha attaccato in un certo senso il tennista russo.

Ecco alcune sue dichiarazioni: "Daniil Medvedev è il numero uno in quanto parliamo del tennista più continuo negli ultimi dodici mesi, ma non è il più forte. Appare evidente che alcuni dei tennisti membri dei Fab Four non sono più quelli di un tempo ma possono ancora 'far male' nel circuito e possono prevalere come è successo a Rafa a Melbourne.

Daniil deve dimostrare di essere il numero uno e penso che debba vincere almeno un altro paio di Slam per dimostrare il suo valore. Le classifiche sono queste e si basano sul numero di tornei disputati oltre che sui relativi successi di ogni tennista ma ora Daniil deve dimostrare di essere continuo e deve fare ancora risultati.

È successo in passato anche a me e so che sta accadendo, inoltre ora Medvedev è il numero uno e tutti daranno il massimo per provare a batterlo"