La toccante lettera di Elina Svitolina contro la guerra in Ucraina



by   |  LETTURE 5330

La toccante lettera di Elina Svitolina contro la guerra in Ucraina

Sono numerosi i tennisti e le tenniste che si sono schierati in modo deciso contro la guerra portata avanti dalla Russia in Ucraina. L’invasione russa dell’Ucraina è iniziata nella notte fra il 23 e il 24 febbraio, quando Vladimir Putin ha autorizzato “un’operazione speciale” per smilitarizzare il Paese e messo in crisi l’intera Europa.

Iga Swiatek, dopo la vittoria del Qatar Open ha lanciato un chiaro messaggio. La polacca ha disputato un torneo pressoché perfetto e sconfitto senza perdere un set Daria Kasatkina, Aryna Sabalenka, Maria Sakkari e Anett Kontaveit.

Nella finale contro la giocatrice estone, la Swiatek si è imposta con un netto 6-2, 6-0.

Swiatek e Svitolina contro la guerra in Ucraina

“Voglio mostrare il mio sostegno a tutte le persone che stanno soffrendo in Ucraina.

Vedere quelle immagini è davvero straziante per me. Non pensavo di dover assistere a una cosa del genere in uno dei Paesi più vicini al mio" , ha detto la polacca a Tennis Majors. "Spero che le cose migliorino e che venga ripristinata la sicurezza delle persone.

Spero anche che lo sport faccia la sua parte. Anche se abbiamo molte cose che ci dividono, lo sport è capace di portare gioia e unire tutti. Ringrazio le persone che hanno deciso di assistere alla mia finale. Spero che il popolo ucraino possa tornare a casa il prima possibile" .

Elina Svitolina, una delle atlete ucraine più famose al mondo, si è detta molto preoccupata per quello che sta accadendo nel suo Paese e ha deciso di dare vita a una splendida iniziativa. L'attuale numero 15 del ranking WTA donerà parte dei suoi montepremi all'Ucraina.

"Lettera alla mia Patria. Sono lontana da te, lontana dagli occhi dei miei cari, dal mio popolo, ma il mio cuore non è mai stato così pieno della vostra anima. E' difficile esprimere quanto siete speciali.

Mi avete dato tutto, onoro ogni parte di voi: la vostra cultura, la vostra educazione, la vostra terra, il vostro mare, le vostre città, il vostro popolo. Ogni giorno temo per voi. Sono devastata, i miei occhi non smettono di piangere, il mio cuore non cessa di sanguinare.

Ma sono così fiera di vedere il nostro popolo, le nostre madri, i nostri padri, i nostri fratelli, i nostri bambini, così forti e coraggiosi impegnati a combattere per difendersi. Sono eroi. Mi impegno perciò a donare il montepremi dei miei prossimi tornei per sostenere l'esercito, per i bisogni umanitari, per aiutarli a difendere la nostra nazione. Ucraina, tu ci unici, sei la nostra identità, sei il nostro passato e il nostro futuro. Noi siamo Ucraina" .