Rublev commenta la vittoria su Kwon a Rotterdam



by   |  LETTURE 2643

Rublev commenta la vittoria su Kwon a Rotterdam

Non fa passi falsi all’ATP 500 di Rotterdam Andrey Rublev, che con la vittoria di oggi contro il sudcoreano Soonwoo Kwon raggiunge i quarti di finale. Un break per set basta e avanza al russo per imporsi nel loro primo confronto in carriera sul suo avversario, battuto con un doppio 6-3 in un’ora e 20 minuti di gioco.

Niente patemi d’animo dunque per il numero 7 del mondo, il quale ha vinto le ultime sette partite sul cemento indoor dell’ABN Amro World Tennis Tournament (nome ufficiale del torneo di Rotterdam). Rublev che era chiamato a una prova di forza importante dopo la deludente e inaspettata uscita di scena al terzo turno degli Australian Open per mano di Marin Cilic dello scorso 22 gennaio.

Detto fatto per il 24enne moscovita, che con 17 vincenti ha superato la resistenza di Kwon mantenendo a zero il conto dei set persi in quel di Rotterdam.

L’entusiasmo di Rublev per la vittoria su Kwon

Al termine della partita, Andrey Rublev ha rilasciato le prime dichiarazioni a caldo in cui si è detto pienamente soddisfatto e felice per la vittoria: “Il primo set è stato di alto livello, con lunghi scambi ad alta intensità – ha spiegato il russo nella sua intervista a bordo campo − .

Il mio cuore batteva forte. Sono felice di essere stato in grado di vincere l'incontro in serie diretta. Gli piace giocare dalla linea di fondo e dal primo punto abbiamo avuto lunghi scambi. Ti rendi subito conto che sarà un match difficile e che avrai bisogno di correre molto” .

Questo il commento di Andrey Rublev, che porta così sul 4-1 il suo personale bilancio vittorie/sconfitte in questa parte iniziale del 2022 (in singolare). Nel match di quarti di finale, il tennista di Mosca affronterà il vincente tra il numero 38 del mondo Marton Fucsovics e la wild-card olandese Tallon Griekspoor, che a sorpresa ha prevalso su Aslan Karatsev nel turno precedente chiudendo la gara con un netto 7-0 nel tie-break del terzo set.