Daniil Medvedev attacca duramente Tennis Australia e le nuove regole



by   |  LETTURE 7328

Daniil Medvedev attacca duramente Tennis Australia e le nuove regole

Daniil Medvedev ha superato in 4 set la concorrenza del numero 70 del ranking mondiale Maxime Cressy, autore di un’ottima partita, e si è qualificato per i quarti di finale degli Australian Open, nei quali affronterà Felix Auger-Aliassime.

Il numero due del mondo però è sembrato parecchio irritato durante il match ed ha avuto qualche battibecco col giudice di sedia per via delle presunte perdite di tempo dell’avversario tra un servizio e l’altro.

In conferenza stampa Medvedev si è scusato per gli atteggiamenti poco sportivi nei confronti dell’avversario ed ha spiegato le ragioni del proprio nervosismo.

Le parole di Daniil Medvedev

Il numero due del mondo ha spiegato le cose che lo hanno innervosito durante il match nella conferenza stampa post partita, partendo dal fatto che per la seconda partita consecutiva è stato costretto a non giocare sul campo principale.

“Ero abbastanza arrabbiato oggi a causa di alcune cose” ha detto Medvedev. “Prima di tutto non so davvero, come, cosa dovrei fare per giocare sui campi centrali nei Grandi Slam, perché ho vinto l'ultimo Grande Slam.

Voglio dire, sono la testa di serie più alta qui, e giocare contro Maxime sarebbe più facile sul Rod Laver dove c’è più spazio. Quando giochi su un campo più piccolo, è più difficile giocare contro qualcuno che fa il serve and volley che su un campo più grande.

È come a Wimbledon, non ho nemmeno giocato sul centrale, perché non conto il quinto set che ho giocato dopo la pioggia, dopo essere stato messo sul court 2”. L’altro episodio che ha infastidito Medvedev è stato quando l’arbitro non lo ha mandato negli spogliatoi per cambiarsi nonostante il caldo torrido australiano.

“Le nuove regole mi piacciono molto sulla pausa bagno: se vai solo in bagno tre minuti, se ti cambi cinque minuti. Mi piace molto perché almeno abbiamo delle tempistiche precise” ha detto Medvedev. “Il fatto è che oggi faceva molto caldo, c’erano 35 gradi, e quando giochi sotto il sole, vorresti cambiarti dopo due set perché sei letteralmente bagnato.

Per cambiarti avresti bisogno di quattro minuti buoni, e il mio corpo mi richiedeva anche di andare in bagno dopo il primo set”. Il tennista russo ha poi definito stupide le nuove regole: “Quindi non vedo alcuna logica in queste regole, posso definirle stupide...

Quindi la regola è che se usi tutte le tue pause per il bagno, puoi andare ancora a restare in bagno nel minuto che rimane per cambiarti. Così ho chiesto all'arbitro e al supervisore, 'Posso correre in bagno nel minuto e mezzo che ho tra i set per poi potermi cambiare e avere ancora un cambio se c'è un quinto set?' “No, devo contare”mi ha risposto.

"Sì, ma voglio farlo nel minuto e trenta che ho per cambiarmi e che non venga contato”. Medvedev si è infine scusato con Cressy per il suo atteggiamento durante il match: “Sì, è una sciocchezza, quindi mi sono, come potete vedere, abbastanza arrabbiato per questo e penso che quello che è successo dopo sia una conseguenza. Sono davvero dispiaciuto per quello che ho detto a Maxime”.