Australian Open, le parole di un raggiante Matteo Berrettini dopo l'accesso ai Quarti



by   |  LETTURE 2876

Australian Open, le parole di un raggiante Matteo Berrettini dopo l'accesso ai Quarti

Vittoria storica quella di Matteo Berrettini, che con il successo sullo spagnolo Carreno Busta agli ottavi di finale degli Australian Open, entra di diritto nell’elitè dei tennisti capaci di raggiungere i quarti di finale di tutti e quattro gli slam (è il 48esimo giocatore a riuscirci).

Un match letteralmente dominato dal “Martello” romano, che ha vissuto una giornata di grazia al servizio, l’arma in più che gli ha concesso di imporsi sullo spagnolo. Il 7-5 7-6(4) 6-4 finale è frutto di una prestazione da 28 ace e 57 colpi vincenti messi a referto da Berrettini, il quale ha concesso (e salvato) soltanto una palla break ed è stato chirurgico nei momenti decisi dell’incontro, brekkando Carreno Busta nell’undicesimo game del primo set e nel decimo del terzo.

Con il risultato ottenuto, Berrettini sale virtualmente al sesto posto del ranking mondiale, scavalcando il russo Andrey Rublev, e nella notte di martedì si giocherà un posto in semifinale nel match contro il francese Gael Monfils.

A fine partita un sorridente Berrettini ha ringraziato il pubblico, apparso evidentemente dalla sua parte visto il suo legame amoroso con la tennista australiana Ajla Tomljanovic, ed ha commentato la netta vittoria contro lo spagnolo.

Il commento di Berrettini a fine partita

Berrettini ha espresso tutta la sua soddisfazione per aver agguantato i quarti di finale, ricordando il suo ritiro per infortunio agli ottavi dell’anno passato contro Tsitsipas.

“È stata davvero dura l'anno scorso. Volevo davvero giocare, ma non potevo con lo strappo all'addome” ha detto il tennista italiano. “Ma credo che ci sia una ragione per tutto ciò che accade e ho desiderato tornare il prima possibile e il modo in cui ho vinto oggi dimostra quanto tengo a questo torneo”.

Il numero 1 azzurro ha poi confermato le buone sensazioni al servizio messe in mostra per tutto l’incontro: “Sono stato molto preciso con il mio servizio e lui non riusciva a leggerlo, per questo ho fatto molti aces.

La mia percentuale di servizio era alta, il che era importante. Sentivo di avere più energia nel terzo set. Quando il mio servizio funziona è sempre un bene per il mio tennis”. Riguardo al prossimo avversario Gael Monfils, contro il quale Berrettini ha uno score di 2 successi a 0, il tennista romano ha ricordato il match degli Us Open 2019, da lui vinto al quinto set: “È stato un match davvero difficile e le emozioni erano tantissime per me e per lui” ha detto Berrettini.

“Ricordo quel match col sorriso, ma questa volta sarà un match diverso. Sicuramente sarà una battaglia”.