Atp Cup, le sensazioni di Matteo Berrettini sul primo successo del 2022



by   |  LETTURE 1753

Atp Cup, le sensazioni di Matteo Berrettini sul primo successo del 2022

Le due partite al debutto con l’Australia sono servite per rompere il ghiaccio dopo l’infortunio alle Finals, i miglioramenti si notano in modo evidente già nelle gare successive. Matteo Berrettini ha dato un grande contributo all’Italia durante la seconda giornata del girone B di Atp Cup a Sydney, superando nel suo match individuale Ugo Humbert e vincendo anche il doppio col compagno altoatesino Jannik Sinner.

Così l’Italia ha portato a casa il netto 3-0 sulla Francia nella notte italiana di martedì 4 gennaio ed è rimasta in corsa per la qualificazione alla fase successiva della competizione. In singolare il 25enne romano è stato solidissimo al servizio, con percentuali altissime di prime messe in campo e di punti poi vinti.

Un’ottima prova nel complesso per l’azzurro, anche con un colpo non molto congeniale come il rovescio, che sta proseguendo la sua preparazione per raggiungere il top della condizione agli Australian Open.

Le sue parole

‘The Hammer’ ha espresso le proprie sensazioni al termine della gara in conferenza stampa: “È stata una partita davvero complicata, soprattutto in queste condizioni.

Humbert è un ottimo server ed è un giocatore molto difficile da affrontare perché è mancino. Ho dovuto giocare il mio miglior tennis nei momenti importanti per vincere la sfida. Sono molto contento, ho bisogno di disputare più partite possibili per riprendere il mio ritmo per i primi grandi tornei dell’anno” ha dichiarato.

Sul doppio con Jannik: “Ci siamo allenati per un po' insieme. Credo che ci vorrà un po' di tempo per adattarci meglio, ma le sensazioni sono state buone. Abbiamo ottenuto la vittoria. Abbiamo giocato una partita di alto livello e siamo scesi in campo come se il confronto fosse sull’1-1 invece che 2-0.

Siamo stati con molta fiducia e questa è stata la chiave per il successo” ha aggiunto e concluso. Berrettini dovrà ora pensare all’ultimo impegno del raggruppamento: giovedì dovrà sfidare il numero due al mondo Daniil Medvedev, che si sta prendendo carico della sua Russia per ottenere il primato in classifica.