Stefanos Tsitsipas risponde ad Alexander Zverev: "Lascia parlare il tennis"



by   |  LETTURE 17655

Stefanos Tsitsipas risponde ad Alexander Zverev: "Lascia parlare il tennis"

Una ‘provocazione’ che a Stefanos Tsitsipas non è molto piaciuta e in conferenza stampa ha deciso di rispondere, facendo sentire nuovamente la sua voce. Alexander Zverev ha dichiarato nei giorni scorsi che secondo lui saranno tre tennisti a prendersi la scena nella stagione 2021: fra questi non c'è il nome del giocatore greco, che ha ricevuto l'ennesimo attacco (indiretto) dal tedesco.

"Negli ultimi sei mesi siamo stati Novak, Daniil e io a dominare e penso che continueremo questa tendenza per tutta la prossima annata" aveva dichiarato il 24enne di Amburgo. Il nativo di Atene ha ottenuto diversi traguardi importanti, conquistando la finale al Roland Garros e raggiungendo almeno i quarti di finale in 9 Masters 1000 su 10 previsti e giocati (un incredibile striscia).

Le sue parole

Le recenti affermazioni di Zverev sono state oggetto di domanda durante l'ultima conferenza stampa, dopo la sconfitta all'esordio in singolare di Tsitsipas con l'argentino Diego Schwartzman. La sua risposta: "Lascia parlare il tennis...

Abbiamo ancora un anno molto lungo davanti a noi. Giocheremo tutti il nostro miglior tennis e vedremo chi se lo merita alla fine della stagione" ha attaccato. La rivalità fra i due si fa insomma sempre più intensa.

Il greco è in ripresa da un fastidioso infortunio al braccio, al quale ha dovuto addirittura sottoporsi a un'operazione. Il recupero è cominciato nelle scorse settimane e queste sono le sue sensazioni: "È stato bello vedermi giocare a quel livello.

Non me lo aspettavo. Ha funzionato meglio di quanto pensassi, sono stato in grado di colpire palle che mi avevano spaventato solo due settimane fa. Sto andando nella giusta direzione. È stato una partita molto combattuta.

Mi sono divertito nonostante abbia perso, mi sono goduto la battaglia, l'adrenalina e l'atmosfera che il pubblico ha generato" ha aggiunto. Tsitsipas non ha però nascosto delle difficoltà, soprattutto nel recupero di energie dopo ogni gara.

Un fattore non indifferente che lo ha portato a non essere sicuro di partecipare addirittura agli Australian Open, primo Grande Slam dell'annata.