Carlos Alcaraz ricorda la notte da incubo vissuta a Parigi-Bercy



by   |  LETTURE 3741

Carlos Alcaraz ricorda la notte da incubo vissuta a Parigi-Bercy

Lo scorso 4 novembre, in occasione degli ottavi di finale del Masters 1000 di Parigi-Bercy, Carlos Alcaraz ha vissuto un’esperienza mai provata prima e si è ritrovato a giocare in un ambiente decisamente ostile.

Il giovane tennista spagnolo non ha retto la pressione e nel secondo set ha gettato alle ortiche un vantaggio di 5 game a 0. Alcaraz, proprio nel momento più importante del match, ha iniziato a commettere diversi errori gratuiti che hanno aizzato la folla e dato fiducia a Hugo Gaston, che nella parte finale dell’incontro si e limitato a respingere la palla dall’altro lato senza forzare.

Il 18enne si è anche lasciato andare ad un pianto liberatorio prima dell’ultimo game. A Player’s Voice, serie di Eurosport, Alcaraz ha provato a raccontare le sensazione provate nel corse di quell’incontro.

Alcaraz ricorda il match perso contro Gaston a Parigi

"La partita contro Hugo Gaston al Masters di Parigi, con tutto il palazzetto contro di me, è stata molto dura. Ma so che devo sopportare quei momenti, così quando accadranno di nuovo saprò come gestirli.

Ora so che quando tutti i tifosi sono contro di me, è importante che nulla mi faccia perdere il controllo. Pensare che non ci sia nessuno sugli spalti e rimanere concentrati sulla partita è fondamentale. 2022? Voglio continuare a crescere e fare esperienza, ma ora che ho raggiunto questa posizione in classifica posso essere più ambizioso.

Il mio obiettivo è finire ancora una volta nella Top 50, ma anche vincere un altro torneo. Sarei ovviamente molto felice se fosse un Masters 1000 o uno Slam, ma forse, ecco, vincere un ATP 500 sarebbe un buon compromesso" .

Reduce dalla positività al Covid-19, Alcaraz ha deciso di non partecipare all'ATP Cup e di prendersi più tempo per preparare il primo grande appuntamento del 2022, ovvero l'Australian Open. Non farà parte del team spagnolo nella competizione a squadre ideata dall'ATP anche Rafael Nadal.

Il 20 volte campione Slam è ancora positivo al Coronavirus, a causa del mini-focolaio che ha colpito i giocatori presenti ad Abu Dhabi, e farà di tutto per partecipare al primo Major dell'anno.