Matteo Berrettini sull’infortunio alle Atp Finals: “È accaduto tutto all’improvviso”



by   |  LETTURE 2349

Matteo Berrettini sull’infortunio alle Atp Finals: “È accaduto tutto all’improvviso”

Un momento difficile da cancellare sia per Matteo Berrettini che per tutti gli appassionati italiani. Degli istanti che hanno rattristato in un solo colpo tantissime persone alla visione del match. Un ritiro che ha lasciato e continuerà a lasciare almeno per un po’ il segno nella mente dell’azzurro, desideroso di voler trasformare in fretta quella delusione in voglia di riscatto nei prossimi importanti tornei in programma.

Il 25enne romano è tornato a parlare dell’infortunio agli addominali rimediato durante l’esordio all’edizione 2021 delle Nitto Atp Finals, che lo hanno costretto al forfait dalla sfida col tedesco Alexander Zverev e poi dalla competizione in modo definitivo.

Un’annata 2021 molto condizionata dai problemi fisici per il numero 7 del ranking mondiale, che però ha comunque dimostrato il suo grande valore nel corso dei mesi, riuscendo a raggiungere la finale di un Grande Slam (a Wimbledon) e appunto qualificarsi per l’appuntamento riservato ai migliori otto giocatori del circuito.

Le emozioni prima del ritiro

‘The Hammer’ ha rivissuto quella gara in un’intervista realizzata da Riccardo Crivelli per la Gazzetta dello Sport: “Un mix di emozioni contrastanti, è accaduto tutto così in fretta e all’improvviso che non ho avuto nemmeno il tempo di capire davvero cosa fosse successo.

In un attimo il mondo mi è scivolato addosso” ha confessato l’azzurro. Poi ha proseguito: “Conosco il mio corpo, so che quando accadono infortuni del genere vuol dirmi che sono arrivato al limite. Del resto noi giochiamo 11 mesi all’anno e in giro per il mondo”.

Le sue attuali condizioni fisiche: “Sono guarito, per fortuna il problema si è risolto piuttosto in fretta e ho potuto allenarmi molto bene durante queste settimane di pausa” ha aggiunto. Nel 2022 Matteo Berrettini debutterà con la maglia dell’Italia nell’Atp Cup in programma in Australia: il giocatore romano deve trainare insieme Jannik Sinner la nazionale a un risultato importante nella manifestazione a squadre, dopo aver saltato la Coppa Davis.