Boynton esalta il grande momento del circuito maschile



by   |  LETTURE 1561

Boynton esalta il grande momento del circuito maschile

La stagione appena passata ha fatto brillare la luce di tanti nuovi talenti appartenenti al circuito Atp, che hanno saputo approfittare anche dell’assenza di alcuni big per imporsi nei migliori tornei e contro i più forti avversari.

Tra questi c’è senza dubbio Hubert Hurkacz, autore di un’annata sopra le righe. Il polacco – ben noto al pubblico italiano per la lotta serrata con Jannik Sinner nella corsa alle Nitto Atp Finals di Torino – vanta nel 2021 la vittoria del Master 1000 di Miami proprio a discapito dell’azzurro, il raggiungimento della semifinale a Wimbledon imponendosi nettamente su Roger Federer e, per l’appunto, delle Finals.

In merito al suo straordinario percorso ha parlato il suo allenatore Craig Boynton, intervistato da Sport Tvp: “I progressi che ha fatto nel 2021 non mi hanno sorpreso affatto. Ciò che è stato sorprendente è stata la rapidità con cui è successo.

Avevo in mente che Hurkacz avrebbe giocato le Nitto Atp Finals nel 2022. È arrivato un anno prima. Ricordo gli ultimi mesi di gara in cui sia io che lui eravamo molto stressati. Sapevamo cosa doveva fare, a quale turno doveva avanzare per assicurarsi di giocare a Torino.

Quelli erano i momenti in cui, anche se c'era molta pressione, è riuscito a dare il meglio di sé e a mettere insieme vittorie che gli hanno fatto fare un grande passo avanti. Quando sali in classifica, tutti gli occhi sono su di te e ricevi più attenzione.

Ci sono sempre più responsabilità e si ha sempre meno tempo libero. Bisogna scegliere saggiamente ciò che si spende e ciò su cui si ha bisogno di tempo per migliorare. La sfida più grande è quella di far fronte a tutte le cose dietro al campo e di essere fresco e pronto per l'allenamento quotidiano” .

Boynton analizza il momento del circuito maschile

Ci sono stati altri temi su cui Craig Boynton è stato chiamato a rispondere oltre al percorso di Hurkacz. Per esempio, il momento che sta vivendo in generale il circuito maschile e cosa secondo lui bisogna aspettarsi per il futuro: “Al momento siamo in una fase di riorganizzazione.

Ci sono i top 3, cioè: Djokovic, Medvedev e Nadal. Novak è in cima, ma Daniil è sempre più vicino a lui. Con Nadal, molto dipende da come sarà fisicamente nel 2022. Poi c'è un gruppo di 8-12 giocatori che possono fare qualsiasi cosa in qualsiasi torneo.

Non si può mai essere sicuri di quanto Hurkacz si spingerà lontano. Per fare bene in un torneo devi essere in buona forma, non avere infortuni, avere una buona squadra e molta fortuna. Questo è quello che è successo a Hurkacz a Wimbledon.

Il circuito è attualmente in un grande momento, con un sacco di facce nuove e giocatori che vogliono avere successo” .