Angelique Kerber si racconta: "Il mio grande sogno era vincere Wimbledon"



by   |  LETTURE 3953

Angelique Kerber si racconta: "Il mio grande sogno era vincere Wimbledon"

È stata la stagione sull’erba a dare una scossa ad Angelique Kerber. L’ex numero uno del mondo ha vissuti mesi difficili e intensi prima di tornare a vincere un titolo WTA al Bad Homburg Open e disputare una semifinale Slam a Wimbledon.

A batterla sui prati dell’All England Club ci ha pensato una grande Ashleigh Barty, che ha poi conquistato il il torneo per la prima volta in carriera. Per la Kerber sono poi arrivate le semifinali a Cincinnati, gli ottavi agli US Open e i quarti di finale a Indian Wells.

Nei due WTA 1000 ha perso contro le future vincitrici della manifestazione, rispettivamente Barty e Paula Badoda; mentre a New York è stata eliminata dalla finalista Leylah Fernandez.

Kerber si racconta: "Vincere Wimbledon era il mio sogno"

Alla rubrica “In The Art of Drive” del sito ufficiale della Porsche, la Kerber ha parlato delle sue ambizioni e della sua mentalità.

"Come tennista, sono da sola in campo. Tante cose influiscono e ti colpiscono: la pressione, l'avversario, il colpo successivo e le aspettative. Negli anni ho imparato ad affrontare la pressione e a migliorare la mia forza mentale.

Poco prima di entrare in campo, faccio esercizi di respirazione per calmarmi. Sono stati i miei nonni a insegnarmi: fissa gli obiettivi e lavora sodo, anche quando le cose si mettono male.Vincere Wimbledon era il mio sogno da bambina.

Nel 2018, dopo più di 10 anni di duro lavoro, finalmente ce l'ho fatta. Non ottieni un successo del genere dopo appena due settimane di gioco, ma attraverso la perseveranza e il duro lavoro. Hai bisogno di questa forza mentale e fisica per superare le difficoltà.

Il 2016 e il 2018 sono stati senza dubbio due anni molto speciali nella mia carriera. Tuttavia, ci sono state anche molte battute d'arresto che ho dovuto affrontare negli ultimi anni. Il 2017 non è stato facile. Ho perso molte partite e non ero nella forma migliore.

Naturalmente, inizi a ricevere critiche e le persone non credono più in te. Ma è proprio in questi momenti così duri che trovo la mia forza. Il mio obiettivo è tornare ancora più forte. Voglio mostrare a tutti e soprattutto a me stessa che posso farcela.

Non mi interessa cosa scrivono le persone su di me, perché so dove voglio andare e mi concentro sul percorso. Posso consigliare a tutti di trarre forza dalle sconfitte, di credere sempre in se stessi; non importa quello che dicono gli altri. Ho dovuto imparare anche questo e alla fine mi ha reso la persona che sono oggi" .