Richard Gasquet: "Sono davvero preoccupato per il futuro del tennis francese"



by   |  LETTURE 2022

Richard Gasquet: "Sono davvero preoccupato per il futuro del tennis francese"

Richard Gasquet si avvia ormai verso la fase finale della sua carriera. Il transalpino era considerato come uno dei tennisti più talentuosi del circuito e nonostante abbia raggiunto interessanti risultati (ad esempio l'ingresso in Top Ten) c'erano maggiori aspettative.

Purtroppo l'oramai 35enne atleta ha dovuto fare i conti con l'era dei Big Three che hanno letteralmente dominato il circuito. L'ex numero 7 del mondo ha riconosciuto nel corso di una recente intervista che è stato davvero un brutto anno per il tennis francese, soprattutto a livello dei tornei del Grande Slam.

Nessun tennista francese ha raggiunto la seconda settimana del circuito e Gasquet si è detto quasi incredulo che sia accaduto ciò in una nazione con una storia di tennis del genere. Il tennista ha parlato delle aspettative per il prossimo anno e si è fatto buoni auspici.

Ecco le sue parole ai microfoni dell'Equipe: "È stato un anno molto brutto, davvero triste che nessun francese abbia raggiunto gli Ottavi di finale in tornei dello Slam. Purtroppo nel circuito ci siamo io, Gael Monfils, Tsonga e Gilles Simon e ormai la gente dovrebbe capire che deve aspettarsi di meno da noi.

Nelle ere precedenti e nella nostra abbiamo avuto vari ragazzi nella Top Ten. Il prossimo anno è molto importante per i giovani tennisti francesi e spero che qualcuno possa lottare per entrare tra i primi dieci al mondo.

Questa situazione è davvero preoccupante per noi e per tutto il tennis francese".

Gasquet e le ultime sull'esperto tennista

Richard Gasquet ha inoltre confermato di essere vaccinato per il Coronavirus ed ha intenzione di giocare al Melbourne Park: "Parto il prossimo 27 Dicembre, manca davvero poco.

Sono contento di poter giocare di nuovo, non so ormai quando sarà la data del mio ritiro e quindi sono contento di andare in Australia. Dovremmo provare e speriamo di essere al meglio per la nuova stagione. Sono riuscito a restare tra i primi 100 nel 2021, spero di fare lo stesso anche nel 2022. Finché posso giocare ed essere competitivo, è bello continuare".