Venus Williams si complimenta con Naomi Osaka per una scelta fatta nel 2021



by   |  LETTURE 1955

Venus Williams si complimenta con Naomi Osaka per una scelta fatta nel 2021

Oltre ad essere identificata come una delle più grandi tenniste della storia la sorella maggiore delle sorelle Williams, Venus Williams, è da sempre molto attenta ai problemi di salute mentale nel mondo dello sport.

Nel corso di una recente intervista Venus si è detta orgogliosa e si è complimentata con Naomi Osaka e con la ginnasta Simone Biles visto che entrambe hanno parlato apertamente dell'importanza della salute mentale, soprattutto nello sport.

Molto importante è la storia della tennista nipponica che, ex numero uno al mondo, ha deciso di prenderdi una pausa dal tennis per concentrarsi sulla propria salute mentale. Situazione simile per Simone Biles che a causa dei suoi problemi inerenti questo settore ha addirittura deciso di dare forfait alle Olimpiadi di Tokyo, in quanto non mentalmente pronta.

Venus ha dichiarato: "Sono entusiasta che diversi sportivi hanno deciso di affrontare i propri bisogni di salute mentale, non era facile da fare e cosi la terapia può diventare importante anche per tutti gli altri che magari prenderanno esempio.

Essere in grado di raggiungere tutte le persone sui propri telefoni o sui loro pc è jl miglior modo affinché le persone riescano a connettersi con noi ed ammettere i propri problemi. La scelta degli atleti di aprirsi su questo tema è fondamentale ed aiuta sicuramente tuti gli altri, dà alle persone l'opportunità di parlare di cose di cui nessuno aveva mai parlato prima".

Venus Williams ed i problemi di salute mentale

Nel corso di una recente intervista Venus Williams ha parlato del rapporto con i genitori e dell'importanza della salute mentale: "I miei genitori erano grandi sostenitori della salute mentale ed era molto importante la cura di sé stessi.

Tutti noi dobbiamo renderci conto che il mondo è un posto bellissimo e stimolante ma devi essere preparato mentalmente per reggere le pressioni ed essere capaci di gestirle. Io ci sono riuscita perché ho avuto supporto fin dalla giovane età".