Maria Sakkari: "Aver raggiunto le mie prime due semifinali Slam è stato incredibile"

La tennista greca ha parlato della sua grande stagione

by Antonio Frappola
SHARE
Maria Sakkari: "Aver raggiunto le mie prime due semifinali Slam è stato incredibile"

Maria Sakkari ha disputato sicuramente la stagione migliore della sua carriera. La tennista greca ha raggiunto le semifinali al Roland Garros, agli US Open e alle WTA Finals di Guadalajara e chiuso l’anno alla sesta posizione del ranking WTA.

Nell’ultima puntata di Players’ Voice( Eurosport) , la Sakkari si è soffermata proprio sulla sua stagione e sulle emozioni provate a Parigi, quando è diventata la prima tennista greca a giocare una semifinale Slam.

Sakkari sulle due semifinali Slam disputate nel 2021

"Aver raggiunto le mie prime due semifinali Slam in una sola stagione è stato incredibile, e pure ho avverato il sogno di concludere la stagione alle WTA Finals di Guadalajara.

Ma tutto ciò non è successo per caso… Prima di questa stagione, a volte, ero fin troppo dura e negativa con me stessa. Ma quest’anno, grazie al fatto di essermi circondata con le persone giuste, mi sono concentrata sul mantenere una mentalità positiva.

Credo che i miei risultati ne abbiano beneficiato, dunque mi sento di dire che essere gentili con sé stessi è sempre una buona idea. Questo è ciò su cui ci siamo concentrati maggiormente, e migliorare il mio approccio mentale ha coinciso con un graduale miglioramento del mio tennis; tuttavia ricordo anche un preciso turning point al Roland Garros – non solo per la mia stagione, ma per la mia intera carriera.

A Parigi avevo trovato sin da subito un buon feeling col mio gioco, ma il match contro Elise Mertens è stato chiave: vincerlo mi ha dato molta fiducia.Quel match ha giocato una grande parte nell’economia della mia corsa a Parigi, e ovviamente la semifinale ha rappresentato un momento indelebile nella mia carriera sin qui.

Ho sprecato un match point prima di arrendermi a Barbora (Krejcikova, ndr), quindi non sono stata così tanto fortunata. Se ci penso mi fa ancora male. Ma è stata pur sempre un’opportunità per imparare, qualcosa che mi ha reso più forte.

Perché alla fine può capitare a tutti, non è qualcosa di insolito. Del resto, significa che sono pronta per quando mi ricapiterà tra le mani la stessa opportunità. So che il mio allenatore, Tom Hill, vorrebbe che diventassi un po’ più arrogante… Penso che con questo intenda dire che ho bisogno di credere di più in me stessa, il che è vero.

Credo che le mie due semifinali Slam testimonino il mio giusto percorso e ovviamente ottenere questi risultati aiuta un sacco in ottica della fiducia in se stessi e della realizzazione del proprio potenziale" .

Maria Sakkari
SHARE