"La WTA ha più palle rispetto all'NBA e Lebron James", la difesa sul caso Peng



by   |  LETTURE 5818

"La WTA ha più palle rispetto all'NBA e Lebron James", la difesa sul caso Peng

Nelle ultime settimane il mondo del tennis è stato scosso dalla vicenda riguardante la tennista cinese Shuai Peng. La tennista ha denunciato di molestie un ex membro del Governo cinese e da quel momento è sparita dal mondo social.

Tutti i suoi post, inerenti alla questione, sono stati cancellati e per alcune settimane nessuno sapeva nulla. Dopo l'esplosione delle polemiche sono però apparsi alcuni video della tennista dove non si faceva alcun riferimento alla vicenda, ma dove la Peng affermava di star bene.

La WTA ed in particolare il suo CEO Steve Simon sono apparsi perplessi sulla vicenda e dopo settimane di dibattito alla fine la Wta ha annunciato di sospendere i tornei in Cina fino a quando non si avrà chiarezza su questa difficile situazione.

Le parole del senatore Cruz sulla vicenda

La scelta della WTA è stata applaudita da diverse persone e l'ultimo ad intervenire sulla vicenda è stato il senatore Ted Cruz che si è complimentato con la Women's Tennis Association.

Intervenuto nel corso del Clay Travis e Buck Sexton, un programma radiofonico molto conservatore negli Stati Uniti, il senatore Cruz ha parlato di come la WTA ha gestito questa situazione di difficile equilibrio. Ecco le sue parole a riguardo: "Credo che la WTA in questo momento ha avuto le palle più grandi della NBA.

Ed anzi mi piacerebbe vedere più persone cosi coraggiose che si alzino in piedi per combattere. Loro hanno cancellato significativi eventi in Cina, hanno rinunciato a milioni e penso in ottica futura a centinaia di milioni di dollari"

Cruz ha sfruttato questa occasione per attaccare l'NBA ed il suo modo di approcciarsi a situazioni del genere: "Vedo gente come Daryl Morey e LeBron James che applicano tweet e messaggi molto lievi su situazioni gravi"

La situazione Peng ha colpito tutti gli addetti ai lavori e tanti sono in attesa di conoscere l'evolversi di questa complicata vicenda. Recentemente anche il numero uno al mondo Novak Djokovic ha preso posizione ed ha chiesto una svolta sulla questione relativa alla tennista cinese.