Troicki: "La sfortuna ci perseguita in Coppa Davis"



by   |  LETTURE 2189

Troicki: "La sfortuna ci perseguita in Coppa Davis"

La Serbia di Novak Djokovic non ha più il destino nelle proprie mani. Il team guidato da Viktor Troicki ha infatti perso la sfida con la Germania con il punteggio di 2-1. Dopo la brutta prestazione di Filip Krajinovic, ci ha pensato il 20 volte campione Slam a rimettere in partita i suoi grazie alla netta vittoria contro Jan-Lennard Struff.

In doppio, invece, Djokovic non è riuscito a fare la differenza nonostante un ottimo Nikola Cacic: ad avere la meglio e a conquistare il punto decisivo per il proprio Paese sono stati Kevin Krawietz e Tim Puetz. La Serbia può sperare ancora di arrivare prima nel Gruppo F, ma la vittoria dell’Austria sulla Germania sembra pura utopia, o di passare il turno come migliore seconda( la Svezia ha già una differenza set migliore, ndr) .

Coppa Davis, Troicki: "Siamo stati sfortunati"

“Dobbiamo aspettare i risultati di domani, ma oggi è stata una giornata difficile. Siamo stati molto sfortunati. La partita di Filip è stato molto dura.

Ha perso il primo set al tie-break." , ha detto Troicki in conferenza stampa. "E che dire del doppio? Diciamo solo che la sfortuna ci perseguita in Coppa Davis. Siamo stati sfortunati negli utlimi due anni, da quando è stato introdotto il nuovo formato.

Spero che a un certo punto la situazione cambi. Oggi abbiamo perso 7-6 nel terzo e perso alune importanti occasioni Ovviamente, sono orgoglioso dei miei ragazzi: hanno lottato, hanno dato il massimo, ma non era la nostra giornata" .

Quest'oggi, come specificato in precedenza, la Germania potrà staccare il pass per i quarti di finale battendo l'Austria, che ha perso 3-0 contro la Serbia all'esordio. I tedeschi sono sicuramente favoriti sia in singolare che in doppio.

"Ci è voluta una grande prestazione per battere la squadra del numero uno del mondo" , ha dichiarato Michael Kohlmann, capitano della Germania. "Prima della sfida pensavamo di avere buone possibilità. Ci abbiamo creduto e abbiamo giocato alla grande" .