Jo-Wilfried Tsonga, il rientro si avvicina: c’è l’annuncio



by   |  LETTURE 888

Jo-Wilfried Tsonga, il rientro si avvicina: c’è l’annuncio

Il 2021 di Jo-Wilfried Tsonga è stato un anno duro, di quelli in cui gira tutto storto e si fa difficoltà nel compiere anche le cose più semplici, quelle che un tempo si sarebbero compiute a occhi chiusi.

Il francese ex numero 5 del mondo (2012), giunto alla soglia dei 36 anni, è stato martoriato dai problemi fisici e, inevitabilmente, i risultati in campo non potevano che essere disastrosi. L’età avanza, i tempi migliori sono ormai lontani e il due volte semifinalista al Roland Garros e a Wimbledon fatica maledettamente a ritrovare una condizione che possa essere definita quantomeno accettabile.

Nel 2019 gli ultimi due acuti sin qui con i trionfi a Montpellier e Metz, poi il susseguirsi degli infortuni fino ad arrivare all’uscita dalla top-100 (oggi occupa la posizione numero 257 del ranking), certificata lo scorso settembre.

Recentemente, tuttavia, ha fornito grosse novità in vista del prossimo futuro.

Tsonga: “Nel 2022 tornerò. Spero in una wild card agli AO”

Numero 5 del mondo non lo si diventa certo per caso. Oltre alle qualità tecniche ciò che fa la differenza tra i giocatori cosiddetti ‘normali’ e quelli al vertice sono quelle mentali, umane.

E la caparbietà di Jo-Wilfried Tsonga lo spinge a rimettersi in gioco per l’ennesima volta, quasi a non voler cedere alla mala sorte che evidentemente si è voluta divertire con lui. Ecco dunque che, in una intervista rilasciata a Radio Montecarlo, il francese ha annunciato ufficialmente il suo ritorno in campo il prossimo anno: “Una cosa è certa: mi vedrete nel 2022”.

Il sogno è quello di tornare a giocare agli Australian Open, dove ottenne la finale nell’edizione 2008 pochi mesi prima del suo 23esimo compleanno: “Mi sto preparando a tornare a gennaio e spero di avere la possibilità di ricevere un invito agli Australian Open.

Nel frattempo sto lavorando sodo e cerco di fare il mio lavoro nel miglior modo possibile”. Una parola poi sull’ultima annata: “Da metà estate è andata molto meglio. A fine agosto sono andato agli US Open, mi sono fatto male al polpaccio e alla fine ho deciso di annullare il mio finale di stagione perché non era troppo interessante” .