Gaudenzi: "Berrettini ha fatto un gesto da grande uomo"



by   |  LETTURE 7170

Gaudenzi: "Berrettini ha fatto un gesto da grande uomo"

Matteo Berrettini non è purtroppo riuscito a superare in tempo l’infortunio agli addominali rimediato durante il match contro Alexander Zverev e ha lasciato Torino anzitempo. Il romano ha anche deciso di saltare la Coppa Davis per non rischiare di peggiorare la situazione e compromettere l’inizio della nuova stagione.

“È inutile dirvi quanto per me questi ultimi giorni siano stati dolorosi e deludenti, tra tutti gli scenari possibili questo sicuramente è quello più difficile da digerire", ha scritto Berrettini su Instagram.

"Mi fermo, ma solo per ripartire più forte e per regalare a me stesso e a tutti voi vittorie ed emozioni ancora più grandi. La nostra Squadra è una delle più forti mai schierate e sono sicuro che porterà molto in alto i colori della nostra bandiera" .

A prendere il posto di Berrettini è stato Jannik Sinner, che ha dedicato un bellissimo messaggio al connazionale dopo la vittoria contro Hubert Hurkacz. Al termine del secondo incontro di Round Robin, l’altoatesino ha infatti scritto sulla telecamera: “Matteo sei un idolo” .

Gaudenzi: "Matteo ha fatto un gesto da grande uomo"

Il presidente dell’ATP Andrea Gaudenzi ha parlato proprio di Berrettini e Sinner in una recente intervista. “Permettetemi di complimentarmi con Berrettini: avrebbe magari potuto giocare, ma ha fatto un gesto da grande uomo.

Posso dire che sono molto soddisfatto: un anno fa avevamo qualche timore. L’arena è ancora più coinvolgente della O2 di Londra, il campo è molto bello e i giocatori sono contenti della città e del cibo, ovviamente" , ha detto Gaudenzi nelle parole riportate dalla Gazzetta dello Sport.

"Sinner? In fondo la Sinnermania un po’ me l’aspettavo: un ragazzo di vent’anni così educato, senza grilli per la testa, estremamente concentrato sul suo sport che mette insieme una stagione come la sua, evidentemente colpisce l’immaginario pure dell’appassionato di passaggio che magari segue le partite solo ai grandi eventi.

E poi in Italia c’è una grande fame di tennis, di un campione che sia superstar come Valentino Rossi o Alberto Tomba” .