Australian Open, Kyrgios: "Prima la salute, poi il tennis”



by   |  LETTURE 1725

Australian Open, Kyrgios: "Prima la salute, poi il tennis”

Sono ancora tanti i nodi da sciogliere in vista della prossima edizione degli Australian Open. Tennis Australia sta cercando di trovare le migliori soluzioni possibili e di dialogare costantemente con gli organi istituzionali.

Nonostante le ultime notizie di apertura nei confronti dei tennisti non vaccinati, il premier dello stato australiano del Victoria Daniel Andrews si è opposto fermamente a questa possibilità. “I giocatori non immunizzati non avranno un permesso speciale per partecipare.

Stiamo bloccando le persone non vaccinate fuori da pub, caffè, ristoranti, dal Melbourne Cricket Ground e da ogni sorta di altri eventi. Non chiederemo un’esenzione. Pertanto, il problema è sostanzialmente risolto” .

Le parole di Kyrgios sulla prossima edizione degli Australian Open

Nel corso del podcast No Boundaries, anche Nick Kyrgios ha parlato della prossima edizione dello Slam australiano. "Credo che non sia moralmente corretto accettare giocatori che provengono da tutte le parti del mondo che non sono vaccinati.

Non possono arrivare a Melbourne e pensare di poter girare liberamente come se nulla fosse. Non penso sia una cosa giusta per i giocatori che hanno deciso di vaccinarsi. Penso che possa essere un’ottima opportunità per dare di nuovo risalto alla città di Melbourne e per far tornare insieme le persone.

Gli Australian Open hanno una grande storia e io conservo alcuni dei miei ricordi più belli durante questa competizione: farò di tutto per esserci al mio massimo della forma. Ci sono, però, delle priorità.

Prima arriva la salute fisica e psicologica della gente, solo dopo il tennis” . Dopo la vittoria ai danni di Andrey Rublev, è stato chiesto a Novak Djokovic di esprimere un commento sulle ultime dichiarazioni rilasciate da Kyrgios.

"La libertà di scelta è essenziale per tutti, che si tratti di me o di qualcun altro. Non importa se si tratta di vaccinazione o altro, dovresti avere la libertà di scegliere, di decidere cosa vuoi fare.

In questo caso particolare, cosa vuoi mettere nel tuo corpo. Sono sempre stato un sostenitore della libertà di scelta e continuerò a esserlo, perché la libertà è essenziale per vivere una vita felice" , ha spiegato il campione serbo.