Volandri spiega i retroscena del ritiro di Matteo Berrettini



by   |  LETTURE 12681

Volandri spiega i retroscena del ritiro di Matteo Berrettini

Delusione, rabbia, rassegnazione. Questi probabilmente le emozioni principali che ha provato pian piano Matteo Berrettini, costretto a chiudere anzitempo il sogno di partecipare per la seconda volta in carriera alle Nitto Atp Finals, quest’anno peraltro tenute in Italia.

L’azzurro si è fermato a causa di un infortunio agli addominali nel corso della gara del debutto col tedesco Alexander Zverev e non ha potuto evitare il ritiro definitivo dalla competizione, facendo subentrare al suo posto l’altoatesino Jannik Sinner (che si sta ben comportando).

Nonostante non sia stato affatto semplice dare forfait, il 25enne romano ha seguito la strada più giusta per preservare il prosieguo della carriera e non prolungare ulteriormente i tempi di recupero, con la Coppa Davis e gli Australian Open alle porte come eventi principali a cui deve prendere parte (più difficile sarà essere al via del primo torneo, rispetto allo Slam in programma nel mese di gennaio).

Le parole di Volandri

‘The Hammer’ ha cercato in tutti i modi di continuare l’avventura, scendendo addirittura in campo per un allenamento il giorno dopo la sfida, senza però avere quelle certezze e sensazioni positive di cui aveva bisogno.

Filippo Volandri, capitano del gruppo italiano per la Davis, ha spiegato alcuni retroscena e aggiunto dettagli sul ritiro di Berrettini, ai microfoni di SuperTennis: “La decisione è stata molto sofferta, ha messo sulla bilancia i pro e i contro.

Sicuramente ha pesato il fatto che non si giocava una finale, ma avrebbe dovuto affrontare almeno due partite (nella sua testa anche le altre, dopo il round robin). Non è stato facile, specie per una persona arrivata a disputare le Finals nella sua nazione a Torino, dopo che si è meritato questo posto tra i grandi, sudando e lottando durante tutta la stagione.

Alla fine ha preso l’ennesima decisione di un ragazzo già maturo di 25 anni” ha dichiarato. “In chiave Davis ho optato di fare un passo alla volta. Archiviato il capitolo Finals, ora verificheremo le sue condizioni strada facendo e nei prossimi giorni capiremo se potrà partecipare o meno” ha concluso.