Leo Borg gioca il suo primo match nel circuito maggiore: l'orgoglio di papà Bjorn



by   |  LETTURE 6206

Leo Borg gioca il suo primo match nel circuito maggiore: l'orgoglio di papà Bjorn

“In effetti mi sono messa a piangere. Avevamo provato ad avvicinarlo a un altro sport, in modo da evitare i paragoni con il padre. Sarebbe stato tutto molto più semplice” . Sono state queste le parole utilizzate da mamma Patricia quando il piccolo Borg ha rivelato alla famiglia di voler diventare un tennista.

Nonostante la voglia dei genitori di dirottarlo verso altre mete, Leo Borg è andato avanti sulla sua strada e quando gli hanno parlato di pressione, lui ha risposto con un semplice: “Non mi dà fastidio, non è un problema.

Ho sempre saputo chi è stato mio padre”. Esatto, proprio suo padre, Bjorn Borg, l’uomo che ha rivoluzionato il gioco del tennis e che ha vinto 11 tornei del Grande Slam.

Bjorn Borg commenta l'esordio ATP del piccolo Leo

Leo Borg ha partecipato a diversi eventi Challenger tra il 2020 e il 2021, ma non è mai riuscito a vincere un set nonostante l’impegno e la dedizione che hanno accompagnato i suoi incontri.

Il 18enne ha così deciso di farsi le ossa nei più importanti tornei Junior, dove ha ottenuto discreti risultati. Questa settimana, il piccolo Borg ha avuto la possibilità di fare il suo esordio nel circuito maggiore grazie alla wild card concessagli dagli organizzatori del torneo ATP 250 di Stoccolma.

L.Borg ha ceduto con onore( 4-6, 2-6) a Tommy Paul, attuale numero 52 del mondo. La prestazione, questa volta, ha colpito anche papà Bjorn. “Sono molto orgoglioso di mio figlio. Non è facile giocare qui per la prima volta e, con un po’ di fortuna, spero che posso farlo ancora per molti anni.

Penso che abbia giocato davvero un’ottima partita. È stata sicuramente una grande esperienza per lui, perché ha affrontato un top 60” , ha spiegato B.Borg ai microfoni di Tennis.com. Prima del match giocato a Stoccolma, Leo Borg, sempre tramite una wild card, aveva disputato le qualificazioni dei tornei ATP di Marbella e Bastad. In entrambe le occasioni si è fermato al primo ostacolo.